/ Gallarate

Gallarate | 31 marzo 2022, 13:47

Si conclude con “A Chiara” il Cineforum d’inverno al Teatro delle Arti di Gallarate

Oggi doppia proiezione, pomeridiana e serale, la prima con l’introduzione della professoressa Cristina Boracchi, la seconda con il critico Gabriele Lingiardi

Si conclude con “A Chiara” il Cineforum d’inverno al Teatro delle Arti di Gallarate

Con “A Chiara”, di Jonas Carpignano, chiude la trilogia di film ambientati tra Gioia Tauro e Rosarno, nella Calabria degli immigrati dall’Africa subsahariana sfruttati nei campi di agrumi (Mediterranea, 2015), dei rom accampati in baraccopoli ai confini della città (A Ciambra, 2017) e della borghesia cittadina che dietro la facciata rispettabile nasconde l’affiliazione alla ’ndrangheta, come si racconta, per l’appunto, in questo ultimo lavoro, premiato a Cannes con il Label Europa Cinemas Cannes per il Miglior film europeo. Il film racconta la storia di Chiara Guerrasio (Swamy Rotolo), secondogenita quindicenne di Claudio e Carmela. Tutta la famiglia è riunita per festeggiare i 18 anni della sorella più grande di Chiara. Tutti sembrano contenti e affiatati, malgrado la sana competizione che c'è tra Chiara e sua sorella sulla pista da ballo. Il giorno dopo la festa, Claudio lascia, senza preavviso, Gioia Tauro. Chiara, dal carattere forte e determinato, vuole capire che cosa ha spinto suo padre a partire. Una volontà che la porta a guardare i suoi cari e la sua città con occhi nuovi e a interrogarsi sul suo futuro.

Alle 15 la professoressa Cristina Boracchi curerà l’introduzione pomeridiana mentre alle 21 l’introduzione e il commento finale saranno del critico cinematografico Gabriele Lingiardi.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore