/ Territorio

Territorio | 23 marzo 2022, 08:20

Rifiuti abbandonati, Castellanza prepara una campagna di sensibilizzazione

Il problema è stato affrontato anche in consiglio comunale. «Siamo consapevoli della situazione – rimarca l’assessore all’ambiente Caldiroli – Ci sono persone che scambiano i cestini dei rifiuti per il loro bidone personale, per non parlare di chi abbandona ingombranti agli angoli delle strade o nelle aree verdi»

Rifiuti abbandonati, Castellanza prepara una campagna di sensibilizzazione

Ancora una volta le cattive abitudini di alcuni cittadini castellanzesi sono finite sotto il mirino del gruppo Partecipiamo, che ribadisce come la pulizia della città sia responsabilità di tutti, non solo dell’amministrazione.

«È indispensabile che i castellanzesi capiscano – ha spiegato l’assessore Claudio Caldiroli – che per avere le strade pulite sono necessari comportamenti responsabili da parte di tutti; è necessario che ciascuno faccia la propria parte, non è possibile scaricare tutte le responsabilità solo sulle spalle dell’amministrazione».

A sollecitare la risposta dell’assessore Caldiroli sono state le osservazioni fatte da Angelo Soragni durante lo scorso consiglio comunale, durante le quali il capogruppo di minoranza ha evidenziato come il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti sia ancora molto diffuso all’interno dei confini cittadini.

«Siamo consapevoli della situazione – ha rimarcato l’assessore all’ambiente – ci sono persone che hanno scambiato i cestini dei rifiuti per il loro bidone personale, riempiendoli sino a farli traboccare di sacchetti di rifiuti spesso anche non differenziati. Per non parlare dell’abitudine, purtroppo ancora diffusa, di abbandonare rifiuti anche ingombranti, all’angolo delle strade o nelle aree verdi.Si tratta di un atteggiamento che causa disagi e costi all’intera comunità, e stiamo cercando il modo più efficace di fare capire alle persone che questo non è più accettabile».

Tutte queste pessime pratiche, infatti, comportano non solo il decadimento del decoro urbano, ma anche la necessità di sollecitare interventi straordinari da parte dell’azienda che si occupa dello smaltimento rifiuti.

Interventi straordinari che esulano dall’accordo di manutenzione ordinaria stipulato con il comune, e che dunque si traducono in costi che vanno poi a pesare sulla Tari di ciascun cittadino.

«Le persone devono comprendere – ha sottolineato Claudio Caldiroli – che è ora di smetterla di abbandonare i rifiuti dove capita, tenere Castellanza pulita non è solo un compito dell’amministrazione, ma un dovere di noi tutti che ci abitiamo.
Del resto la città a la casa di tutti e se buttiamo carte e mozziconi per terra, scarichiamo sacchi di rifiuti lungo la strada o non raccogliamo le deiezioni dei nostri cani sui marciapiedi è un po’ come se lo stessimo facendo sul pavimento della nostra abitazione».

Per cercare di ribadire il messaggio l’amministrazione ha in programma una serie di iniziative che avranno lo scopo di sensibilizzare la popolazione.

«Abbiamo intenzione di partire a breve – ha concluso l’assessore Caldiroli – con una campagna di sensibilizzazione rivolta a tutti i castellanzesi; lo scopo è spiegare loro che come si tiene pulita la propria casa è necessario tenere pulita la propria città.

Non è possibile continuare a pensare di poter fare tutto ciò che si vuole “tanto poi passa l’amministrazione a pulire”; queste cose creano disagi e hanno un costo che ricade su tutti, è ora di prendersi le proprie responsabilità.

Anzi, vado anche oltre, quando vedete una carta abbandonata per strada, raccoglietela e buttatela nel cestino più vicino; e se invece vedete qualcosa di peggio segnalatelo agli uffici, in maniera tale che si possa intervenire il più presto possibile».

Loretta Girola

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore