/ Storie

Storie | 13 marzo 2022, 21:07

LA STORIA. L'offerta che toglie il fiato a Busto: «Sono disoccupato, ma voglio aiutare i bimbi ucraini»

Una piccola cifra che vale un tesoro, accompagnata da una missiva. La risposta di don Giuseppe Tedesco: «Questo è un cuore che ama. Che Dio ti ricompensi, caro e buon fratello»

I bambini arrivati con don Giuseppe due settimane fa: la loro storia ha toccato il cuore a tutti, ma a qualcuno ancora di più

I bambini arrivati con don Giuseppe due settimane fa: la loro storia ha toccato il cuore a tutti, ma a qualcuno ancora di più

Un piccola cifra, si afferma, ma in realtà è un vero e proprio tesoro. Perché a donarla, per i piccoli ucraini a Busto Arsizio, è una persona disoccupata. Lo sappiamo, perché la donazione è accompagnata da una lettera, di quelle che tolgono il fiato. 

Don Giuseppe Tedesco, che è andato a prendere i bimbi e le mamme in Polonia due settimane fa, ha ricevuto questo messaggio e ha sentito il dovere di condividerlo. Delicato e potente, questo gesto di un bustocco che non ha lavoro, ma ha voluto pensare a chi sta peggio di lui: i piccoli e le mamme in fuga dalle bombe in Ucraina.

Sì, proprio due settimane fa il parroco di San Giuseppe era in viaggio per andare a salvare i bambini ospitati dall'oratorio e dalle famiglie l'estate prima. Purtroppo la guerra continua a gravare sull'Ucraina, ma loro sono qui, tra amici che cercano di dare loro un po' di serenità. Le necessità sono tante, la mobilitazione di Busto Arsizio non è mancata.

La lettera raccolta con l'offerta da don Giuseppe è però qualcosa che tocca il cuore, ancora più profondamente. La persona che offre quei soldi per i bambini, si descrive così: 58 anni disoccupata da due. Scrive in modo incerto, spiega, perché ha problemi agli occhi. Partecipa costantemente a una messa e ha sentito che cosa si sta facendo per quei bimbi e le famiglie.

«Nonostante le difficoltà, sento il bisogno di aiutare con questa piccola cifra chi è più in difficoltà di me».

Non può che ricordare, il gesto, la vedova che non aveva quasi niente e diede tutto al tempio, citata da Gesù. Non può che suscitare commozione e gratitudine. Perché in un mondo incattivito e che trova tempo ed energie di litigare persino sulle sofferenze della guerra, ci sono persone così. 

Ma non si può commentare, questo messaggio. Lasciamo il compito a chi lo sa fare davvero, don Giuseppe: «Questa lettera accompagnata da un’offerta vale più di mille prediche. Questa è carità, questo è un cuore che ama. Che Dio ti benedica e ricompensi, caro e buon fratello».

E c'è una speranza nella speranza: che questa persona si avvicini e si presenti. Che si faccia aiutare. Come merita, in questo circolo virtuoso di bene.

Marilena Lualdi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore