/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 05 marzo 2022, 12:51

Ospitalità alle famiglie ucraine: «Busto, ecco come proporsi»

La parrocchia di San Giuseppe ha pubblicato un form in cui si può dare la propria disponibilità e i Servizi sociali del Comune stanno raccogliendo a loro volte le offerte d'aiuto. Ne stanno arrivando tante: «Importante offrire aiuto anche ai bimbi con i loro nuclei familiari»

La bandiera italiana e quella ucraina a Busto

La bandiera italiana e quella ucraina a Busto

La Casa Don Lolo a Busto Arsizio ha accolto il numero massimo di profughi ucraini, altri aiuti hanno permesso di dare ospitalità a chi sta fuggendo dalla guerra. Ma il numero di arrivi cresce e ci si sta coordinando per dare una risposta adeguata. 

La parrocchia di San Giuseppe, che con il viaggio di don Giuseppe Tedesco e dei volontari nei giorni scorsi ha portato i primi bambini con le loro mamme al sicuro, ha pubblicato anche un avviso. 

«Carissimi, tante persone si stanno proponendo per ospitare telefonando o messaggiando con whatsapp, Messenger, sms. Così è difficile. Per organizzare al meglio queste disponibilità chiediamo di compilare esclusivamente il form sottostante (CLICCA QUI)  - spiega la nota - Verrete poi contattati in caso di necessità Ringraziando di cuore tutti coloro che stanno manifestando grande solidarietà e disponibilità, chiediamo a tutte le famiglie disponibili ad ospitare profughi ucraini di compilare il modulo sottostante, indicando le proprie possibilità». E si ribadisce: «Ci stiamo organizzando e coordinando con le autorità competenti e gli enti ed associazioni per raccogliere tutte le esigenze e provvedere in merito. Grazie per la collaborazione!».

Il modulo in questione permette di capire quante persone si possano ospitare e di quali età.

In diversi hanno scritto per accogliere bambini ed è un gesto molto bello, però - ricorda l'assessore ai Servizi sociali Paola Reguzzoni - per fortuna la maggior parte dei bimbi è con adulti, per lo più mamme o comunque figure femminili, visto che gli uomini sono a combattere. «Chi ha disponibilità  - dice l'assessore - si può rivolgere ai Servizi sociali. Chi ha alloggi vuoti che possono servire a ospitare delle famiglie, ce lo segnali». 

Si sta creando una rete per offrire una risposta adeguata, in un momento così drammatico. Busto non ha ex alberghi Covid, a differenza di altre città, e può farlo grazie anche ai suoi cittadini.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore