Hockey - 17 febbraio 2022, 23:26

Da Rin non lo batti mai: i Mastini cadono sempre con il Como dell'ex coach, sono ottavi e "pescano" l'Unterland ai playoff

Solita solfa con i Lariani allenati dal grande ex: di fronte a un grande pubblico (oltre 400 spettatori) i gialloneri partono bene e finiscono male (2-5). Concretezza e cinismo vincono ancora su una squadra (solo) sulla carta superiore. Nei quarti di finale ci sarà subito la corazzata

Foto Tatiana Munerato-Mastini Varese

Foto Tatiana Munerato-Mastini Varese

Stavolta il Varese parte bene, con il gol di Caletti dopo 54 secondi, ma finisce male (come sempre) contro il Como di Massimo Da Rin. Il coach fa la differenza, quando una squadra sulla carta, ma solo sulla carta, inferiore batte per tre volte consecutive una squadra più forte. L'esperienza, la sapienza, l'intuito del coach sono un punto fermo, soprattutto nell'hockey. Perché la concretezza e il cinismo, la compattezza e la capacità di soffrire, la difesa e l'unità che trasformano tanti singoli in una squadra nascono dalla panchina: meglio un rinforzo lì, a volte, che sul ghiaccio. A meno che qualcuno creda nella fortuna o nella sfortuna nel vedere i Mastini ottavi in campionato, e destinati all'Unterland nei playoff, e il Como una o due posizioni più su. L'unica fortuna, per noi, sono stati i 420 spettatori presenti, molti varesini: loro hanno vinto tutti. Loro vincono sempre.

Il comunicato con la cronaca dei Mastini

Ancora un derby lombardo perso dai gialloneri (5 a 2) e ancora come all’andata, con i Mastini padroni del ghiaccio per quasi tutto l’incontro ma un Como cinico e concreto vince l’incontro spegnendo le speranze di risalita del Varese, che comunque accede ai playoff come ottava squadra. I ragazzi di coach Malfatti hanno messo più volte alle corde la squadra lariana, hanno creato tantissimo, sbagliato molto sotto porta, complice tanta imprecisione e tanta sfortuna. Marcello Borghi l’aveva rimessa in piedi trovando il pareggio con una rete da antologia, ma negli ultimi minuti un paio di distrazioni hanno spianato la via del vantaggio comasco.

I Mastini sono partiti subito forte. Pronti via e Dinicola finisce in penalty box per colpo di bastone su Pietro Borghi. Gli sviluppi del power play hanno portato alla realizzazione varesina, capitalizzata da Caletti. Il Varese preme ancora e sfiora il raddoppio con Vanetti che timbra il palo. L’occasione del bis è prossima, ma Capannelli e poi Caletti mandano a lato da posizione interessante. Il Como si avvicina alla porta con Majul e Muraro sventa il pericolo. La trama di gioco del Varese prosegue fluida: incursione di McGrath spenta nel momento più bello da un bell’intervento difensivo di Codebò. I Mastini costruiscono ancora un paio di situazioni interessanti prima della sirena, ma il disco non trova la via della rete.

Nel secondo tempo il Como inizia meglio e in power play (penalità discutibile fischiata a Bertin) trova il pareggio con un’autorete giallonera: Dinicola divora il pari e sul rimbalzo del disco Schina libera ma colpisce un compagno che, sfortunatamente, devia in porta. Quando i Mastini giocano in 5 piantano stabilmente le tende in avanti e Tesini viene graziato tre volte da Marcello Borghi nell’uno contro uno e poi è fortunato a deviare il disco ancora scagliato dal numero 23 giallonero che per poco non trova il fratello pronto a siglare. 

Prima del finale di periodo è Vanetti a mandare a lato da buona posizione, poi è ancora lo stesso capitano a concludere ma Tesini sfiora il puck quel tanto che basta per accompagnarlo fuori dalla porta. Ci provano ancora Tilaro e poi Caletti, ma senza fortuna, come pure Schina, Bertin e De Biasio dalla distanza, senza però inquadrare la porta. Su una delle pochissime incursioni del Como, è Vola a siglare il raddoppio con una bella conclusione sotto l’incrocio dei pali opposto alla posizione di tiro.

Il Varese inizia bene il terzo tempo mettendo pressione a Tesini. Dopo diversi errori, la rete del pareggio è tutta merito di Marcello Borghi che finalizza un coast to coast di 50 metri dopo aver saltato praticamente l’intera formazione avversaria. Nel momento migliore del Varese arriva la rete di Formentini, lesto a sfruttare una indecisione tra Muraro e Schina.

Qui i gialloneri calano leggermente di concentrazione e un disco perso in zona neutra lancia Dinicola che non fallisce l’uno contro uno.

I Mastini insistono nel tentativo di riaprire il match ma Tesini fa muro e la fortuna non aiuta i gialloneri. Prima della sirena finale la realizzazione di Asinelli in superiorità.

Como-Varese  5-2  (0-1, 2-0, 3-1)
Reti: 0’54” (MV) Caletti (Vanetti, M. Borghi), 22’04” (HC) Dinicola PP1, 18’41” (HC) Vola (Dinicola), 47’12” (MV) M. Borghi (De Biasio) PP1, 51’11” (HC) Formentini (Privitera Guaita), 52’24” (HC) Dinicola, 59’20” (HV) Asinelli (Ghiglione, Codebò) PP1
COMO: 40 Tesini (24 D.M. D’Agate), 3 Codebò, 10 D.M. D’Agate, 20 Cecere, 16 L. Formentini, 44 Taufer, 13 M. Formentini, 14 Asinelli, 18 Dinicola, 22 Zordan, 23 R. Ambrosoli, 27 Marcati, 28 Paramidani, 29 Vola, 33 Xamin, 73 Guaita, 77 Majul, 88 Privitera. Coach: Massimo Da Rin
VARESE: 30 Muraro (90 Mordenti) 3 Schina, 4 McGrath, 9 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 37 Belloni, 44 De Biasio, 15 Caletti, 16 Vanetti, 17 Capannelli, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 33 P. Borghi, 55 Piroso, 74 Tilaro. Coach: Matteo Malfatti
Arbitri: Antonio Piras, Willy Vinicio Volcan (Federico Cusin, Matthias Cristeli)
Note - Tiri Co 39, Va 44. Penalità Co 14', Va 14'. Spettatori 420.

QUALIFICATION ROUND

PENULTIMA GIORNATA 
Como-Varese 5-2, Bressanone-Appiano 4-3 ai rigori
SABATO Ore 20: Dobbiaco-Como. Ore 20.30: Varese-Bressanone.
CLASSIFICA (le prime tre ai playoff)
Como 25. Dobbiaco* 23 punti. Varese 19. Appiano* 9. Bressanone 7.
*una gara in più

MASTER ROUND

Valdifiemme-Alleghe 8-2, Unterland-Caldaro 2-3 ai rigori
SABATO: 18.45 Pergine-Valdifiemme, 20.30 Alleghe-Unterland.
Classifica
Unterland 28 punti. Valdifiemme, Caldaro* 23. Alleghe 20. Pergine* 17
*una gara in più

A.C.


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU