/ Lombardia

Lombardia | 04 febbraio 2022, 14:15

Peste suina, «tenere pulite aree sosta, frazione organica rifiuti possibile veicolo di contagio per i cinghiali»

L'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi, Fabio Rolfi, scrive a gestori autostrade, Anci Lombardia e parchi

Peste suina, «tenere pulite aree sosta, frazione organica rifiuti possibile veicolo di contagio per i cinghiali»

L'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi, Fabio Rolfi ha scritto oggi agli enti gestori delle autostrade, ad Anci Lombardia e agli enti gestori dei parchi regionali per chiedere una collaborazione volta a prevenire l'arrivo e la diffusione della Peste suina africana, attraverso una frequente pulizia delle aree di sosta, dei parcheggi, delle aree di ritrovo e una puntuale attenzione sulla raccolta dei rifiuti organici.

«Regione Lombardia - scrive Rolfi - si è attivata subito con provvedimenti propri per contenere la possibile espansione della malattia, restringendo o vietando attività outdoor in un'area 'cuscinetto' di 10 chilometri lungo il confine della zona infetta, e con attività di monitoraggio in alcune zone come l'Oltrepò collinare e montano».

«Pur non essendo trasmesso da animale a essere umano, - precisa l'assessore lombardo - il virus viene veicolato non solo dagli animali, vivi o morti, ma anche da prodotti derivati, carni lavorate, semilavorate e insaccati, nei quali sopravvive. Anche gli avanzi di un pasto a base, per esempio, di salumi, abbandonati in punti accessibili ai cinghiali, diventano potenziali fonti di contagio».

«Colpendo i suidi, sia selvatici, come i cinghiali, che domestici, - avverte l'assessore regionale - se la Peste suina fosse rinvenuta in Lombardia rappresenterebbe una catastrofe per l'intera economia suinicola, cinque milioni di capi in Lombardia, con conseguente blocco delle esportazioni di ogni prodotto e obbligo di abbattimento degli animali. Al momento, contro il virus della Psa non esistono vaccini né cure».

«Voglio ringraziare tutti gli enti per la collaborazione già riscontrata - sottolinea, in conclusione, Rolfi - è necessario che la pulizia e la sanificazione delle aree di sosta, di parcheggio lungo le tratte autostradali e di ritrovo in ambito urbano siano intensificate; recuperando accuratamente scarti di cibo, svuotando con la massima frequenza possibile cestini e cassonetti dell'organico, fonti di possibile alimentazione per i cinghiali e di potenziali loro contagio».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore