/ 

| 31 gennaio 2022, 19:28

Prina: «Siamo una squadra con un'identità precisa. Dobbiamo fare risultati»

Mentre ancora regna il silenzio ufficiale sulla vicenda societaria, martedì 1 febbraio allo Speroni contro il Trento non entra solo il neo acquisto Pesenti, ma anche Caluschi della Primavera

Luca Prina alla vigilia della sfida contro il Trento

Luca Prina alla vigilia della sfida contro il Trento

La panchina, ancora corta. La voglia di rivalsa sempre forte. Ma alla vigilia di Pro Patria-Trento si vede anche un po' di Primavera: è stato convocato infatti Ramon Caluschi, esterno destro classe 2004, oltre al neo acquisto Massimiliano Pesenti (LEGGI QUI). Indisponibili Banfi, Bertoni, Lombardoni, Saporetti, Vezzoni. Diffidati: Bertoni e Nicco.

Alla vigilia di questa sfida importante (mentre è ancora immersa nel silenzio la questione societaria, con zero notizie ufficiali da Napoli), l'allenatore tigrotto Luca Prina parla del campo e di come ci si sta preparando. 

«Non abbiamo grandi risorse, dobbiamo farci carico della situazione e portare avanti la strada che ci porterà alla lunga a ottenere risultati». Che sia ottenuto troppo poco, anche con i recenti progressi, è fuori di dubbio. «Però abbiamo dimostrato di potercela giocare con chiunque, anche contro il Padova, e con sette ragazzi giovani - dice Prina -  Contro il Trento? È una partita completamente diversa da quella dell'andata (la Pro perse tre a zero, ndr), era un'altra storia... di quella partita vogliamo portarci dentro un po' come motivazione in più l'orgoglio di portarci a casa un risultato... Dobbiamo fare risultati».

Su questa carenza, Prina individua un insieme di fattori, anche sulla caduta negli ultimi minuti: «Siamo una squadra con un'identità precisa. Dobbiamo riuscire a stare dentro la partita, con qualità, coraggio, convinzione di quello che facciamo. A volte è quella maledetta fortuna che il dio del pallone concede più alle squadre forti e meno a quelle che lottano a salvarsi. Ma tra un paio di mesi ci troveremo ad aver raggiunto l'obiettivo della salvezza. Non dobbiamo cambiare niente di quello che stiamo facendo».

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore