Territorio - 27 gennaio 2022, 15:07

Gavirate ricorda la Shoah. Il sindaco: «La memoria un dovere soprattutto nei confronti dei giovani»

Piccola ma sentita cerimonia questa mattina in largo Deportati Campi di Sterminio nel piazzale dietro la stazione, alla quale hanno partecipato le autorità civili, gli studenti, l'Anpi, gli alpini e le autorità religiose e militari

Un momento della cerimonia di stamattina a Gavirate per la Giornata della Memoria

Un momento della cerimonia di stamattina a Gavirate per la Giornata della Memoria

Una semplice ma sentita cerimonia ha celebrato questa mattina, 27 gennaio, a Gavirate, la Giornata della Memoria.

In largo Deportati di Sterminio, nel piazzale antistante la stazione, è stata benedetta e postata una corona commemorativa a ricordo delle vittime della Shoah.

Oltre al sindaco Silvana Alberio, erano presenti don Luca, una rappresentanza degli studenti delle scuole Carducci, l'Anpi, gli Alpini, le autorità militari e la polizia locale. 

Dopo la benedizione di don Luca e un suo breve intervento che ha richiamato le parole di Papa Francesco, è intervenuta la prima cittadina.

«Una recente inchiesta americana - ha sottolineato la Alberio - ha rivelato che il 12% della popolazione di età tra i 18 e i 38 anni non conosce la Shoah. Per questo è ancora più importante il dovere di rinnovare la memoria di quell'orrore, soprattutto nei confronti delle giovani generazioni».

Il sindaco si è rivolto agli studenti, dando loro un compito. «I ragazzi hanno una grande responsabilità, quella di farsi carico di raccontare ai loro compagni e ai loro coetanei quanto accaduto nella Shoah» ha concluso la Alberio. 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU