/ 

| 27 gennaio 2022, 22:55

La Giöbia merita anche una ninna nanna

La dedica lo storico Luigi Giavini al fantoccio per chiudere questa giornata che ha visto resistere, pur nelle condizioni di pandemia attuali, la tradizione

Luigi Giavini

Luigi Giavini

In barba al virus e alle limitazioni che ha inferto, la Giöbia ha avuto il suo bel da fare oggi. Si merita un riposo, anzi prima ancora una ninna nanna.

La dedica al fantoccio lo storico bustocco Luigi Giavini, con una certezza: la tradizione non è affatto finita. Che sia una Giöbietta o un «bel Giübión», ci è rimasta dentro questa voglia di guardare dentro e oltre le fiamme. Di plasmare un fantoccio con le nostre paure e le nostre speranze e di voltare pagina, come ci hanno trasmesso i tanti personaggi che ci hanno affidato video e scritti oggi.

 

«Ninna nanna per la mia Giöbietta.               

Ninna nanna par stasía / vèghi non pagüa /sül fögu / a ta mandu mia.  / Ninna nanna/ Tradizión finía? / Ma nan' pa' i ball!!!/ A fó stasìa un bel Giübión / cont'una mòta da giurnái / rivisti / pruclami / litrati da casciaball /lisertuni, catanfrúni / ligasabia  baltrascán / paciaaria e spüdaféa / gurdisciati da prebendi e da dané. /Un  falò /e cha vâgan tüci a cá dul Bìa!!!/ Ninna nanna mé cáa Giübièta/ ta tègnu strèta visén a megn / ninna nanna / e chi d'acordu l'é non /ch'al vaga föa di cuión ,/ ninna nanna / ninna ò / saltèm sü sül falò!!!!»

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore