/ Politica

Politica | 26 gennaio 2022, 14:23

L'OPINIONE. Ma a Varese esistono ancora l'opposizione e il centrodestra?

Chi perde le elezioni, di solito, prende appunti e cambia registro: eppure nel centrodestra tutto sembra fermo al 2016, e di questo passo lo sarà fino al 2026. Dal giorno del bis di Galimberti nell'opposizione, che a volte sembra lavorare per la maggioranza, si parla solo di veti, commissariamenti o commissioni, a parte qualche intervento solitario di Matteo Bianchi

L'OPINIONE. Ma a Varese esistono ancora l'opposizione e il centrodestra?

Chi perde le elezioni, di solito, prende appunti e cambia registro per provare a vincere la volta successiva. Eppure, esattamente come era accaduto nel 2016, non si hanno segnali di cambiamento (se perdi, cambi; se perdi due volte di fila, lo fai ancor più nettamente velocemente), ma neppure di una reazione d'orgoglio da parte di quel centrodestra maggioritario a Varese soltanto nella fantasia. E, se anche lo fosse nella realtà, alla fine per vincere le partite bisogna contare i gol fatti nella porta avversaria, oltre che i voti: e, da questo punto di vista, per ora non c'è partita.

Dal giorno in cui Galimberti è tornato sindaco, le uniche notizie ufficiali del centrodestra, a parte qualche intervento di Matteo Bianchi o di qualche isolato collega soprattutto sulla questione sicurezza - solo contro tutti, un film già visto. Ma nemmeno Coppi vinceva da solo - sono relative a "beghe", con tutto il rispetto, su commissariamenti, richieste interne di chiarimenti, battaglie sulle presidenze delle commissioni comunali, ipotesi di ritiro sull'Aventino, tra veti e tradimenti ventilati agli alleati (ti-sei-accordato-con-la-maggioranza, no-a-farlo-sei-stato-tu). Quisquilie d'interesse pari a zero per l'opinione pubblica e i cittadini. Come se la minoranza o parte di essa lavorasse, apertamente o meno, a favore della maggioranza.

A volte, si ha addirittura l'impressione per cui siano i varesini a dover rappresentarsi od organizzarsi da soli, se devono far arrivare in Comune la loro voce critica nei confronti di qualche decisione dell'Amministrazione. Come se non esistesse un'opposizione o una minoranza capace di rappresentarli e - se serve - picchiare i pugni sul tavolo, se non quella dei social, che però capita si delegittimi da sola scadendo nel turpiloquio e nell'insulto.

Non ricordiamo, dal giorno delle elezioni, una sola volta in cui il sindaco o i rappresentanti della maggioranza siano stati costretti a rispondere nel concreto a un'opposizione che non sia quella relativa a commissioni, presidenze o apparati comunque legati alla vita dell'attività amministrativa. 

Eppure dalla vittoria di Galimberti - che sembra agire indisturbato sul piano della strategia politica, dialogando e trattando, davanti o dietro le quinte, con l'opposizione più di quanto l'opposizione riesca a fare con se stessa - di mesi ne sono passati tre, anche se tutto, per il centrodestra, sembra fermo al 2016 e, di questo passo, lo sarà fino al 2026.

Andrea Confalonieri


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore