Calcio - 23 gennaio 2022, 16:10

L'effetto "P" carica ma non basta: la Pro si fa riagguantare due volte

Finisce 2-2 allo Speroni. I tigrotti hanno mantenuto la promessa di dare tutto in memoria di Pippo Taglioretti. Un rigore e un'autorete però ridimensionano il risultato

Il minuto di silenzio per Taglioretti e alcune azioni della gara

Il minuto di silenzio per Taglioretti e alcune azioni della gara

La Pro Patria rivive il copione dell’andata con il Piacenza e in prima battuta lo straccia. Ma alla fine tra pasticci e sfortuna, scatta ancora un pareggio. Pur diverso da quello di settembre, va ribadito.

I tigrotti hanno onorato con tutta la testardaggine agonistica del caso il ricordo di Taglioretti. Dopo il minuto di silenzio, attacco fulmineo e gol già al 3’ di Pierozzi, i giocatori biancoblù hanno poi mantenuto la marcia in più in gran parte del secondo tempo, impensierendo ripetutamente Pratelli.

Solo sul finale rallenta un po’ la manovra e quando si torna in campo la Pro viene trafitta da un rigore, realizzato da Cesarini al 51'. Questa volta, però, si innesca senza esitazioni la reazione e già quattro minuti dopo Piu colpisce, tiro respinto ma  consegnato a Galli che ne trae  l’atteso gol del nuovo vantaggio. Da segnalare un Ferri che con i suoi 19 anni dalla maturità è passato direttamente al master: gestisce, si ripiglia la palla, rimette in movimento la manovra. Ma anche Ghioldi, che fa pregustare un gol firmato “Pippo”.

Pro dunque a segno subito con Pierozzi, poi ripetuti tentativi di prendere il largo. Al 15’, dopo che il Piacenza deve già eseguire il primo cambio per un infortunio a Nava, sostituito da Armini, ci prova Nicco.

Al ’47 una decisione dell’arbitro che avrebbe potuto fare la differenza: condizionale d’obbligo visto che all’andata i tigrotti sul finale erano in superiorità numerica. Turrini non estrae il secondo giallo che avrebbe visto Marino uscire dal campo: giudica il fallo involontario.

Mentre nessun dubbio per il tocco di Boffelli in area di rigore e al 50’ ecco dunque decretato il penalty che conduce al pareggio. I giocatori del Piacenza sembrano galvanizzati, ma i tigrotti ci mettono poco a disinnescare il loro ardore. Con Galli appunto. Al 20’ esce Pierozzi, applaudito con foga dai tifosi, ed è sostituito da Brignoli. Anche per Ghioldi Prina decide il cambio: entra al suo posto Parker. La Pro sembra decisa a tenersi stretti i tre punti, ma purtroppo all’82’ nel tentativo di fermare l’attacco piacentino la beffa peggiore: pasticcio autorete tigrotta. 

A questo punto l'ansia rischia di vanificare gli sforzi, così Prina inserisce Fietta e la sua carica di esperienza. Un brutto fallo di Cosenza gli costa l'espulsione, ma la Pro non riesce a riprendersi un vantaggio che non sarebbe stato certo ingiusto.

AURORA PRO PATRIA 1919 – PIACENZA CALCIO 1919    2 – 2    (1 – 0)

Marcatori: 3′ p.t. Pierozzi (PPA); 6′ s.t. Rig. Cesarini (PIA), 10′ s.t. Galli (PPA), 37′ s.t. Autorete Pizzul (PIA). 

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Caprile; 2 Vaghi, 13 Boffelli, 5 Molinarii; 11 Pierozzi (21′ s.t. 8 Brignoli), 25 Ferri (44′ s.t. 16 Fietta), 10 Nicco, 3 Galli, 15 Pizzul; 23 Ghioldi (27′ s.t. 9 Parker), 27 Piu.A disposizione: 12 Mangano, 6 Sportelli, 7 Stanzani, 18 Banfi, 24 Giardino. All. Prina.

PIACENZA CALCIO 1919 (3-5-2): 1 Pratelli; 4 Nava (14′ s.t. 25 Armini), 3 Cosenza, 13 Marchi (1′ s.t. 27 Munari); 15 Parisi, 26 Gonzi, 14 Castiglia, 24 Marino, 21 Giordano (21′ s.t. 9 Dubickas); 10 Cesarini (34′ s.t. 7 Lamesta), 39 Raicevic.A disposizione: 12 Libertazzi, 35 Galletti, 2 Rillo, 5 Tafa, 34 Boffini. All. Scazzola. 

ARBITRO: Niccolò Turrini di Firenze (Giacomo Monaco della Sezione di Termoli e Lorenzo D’Ilario della Sezione di Tivoli. Quarto Ufficiale Alfredo Iannello della Sezione di Messina). 

Angoli: 4 – 3.

Recupero: 2′ p.t. – 4′ s.t.

Ammoniti: Marino, Castiglia (PIA).

Espulsi: al 46′ s.t. Cosenza (PIA) per gioco falloso su Piu.

Spettatori (compresi gli abbonati): 518.

 

Ma. Lu.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU