Basket - 15 gennaio 2022, 23:31

Prima il vento del nord, poi il teppista: si è finalmente rotto lo specchio?

IL COMMENTO DI FABIO GANDINI - La prima impronta di Roijakkers è arrivata: nella difesa, certamente (56 punti subiti a Bologna in 20 minuti, 68 in 40 oggi) e nell’aver forse (speriamo) gettato nel dimenticatoio il riflesso di indolenza, problemi non risolti, intoccabili e mancanza di organizzazione in cui la Varese stagionale si è sempre riconosciuta

Prima il vento del nord, poi il teppista: si è finalmente rotto lo specchio?

56 punti in 20 minuti a Bologna, 68 in 40 oggi: sotto le Due Torri si è perso, oggi si è vinto. E la coltellata a un cadavere, ahinoi, l’abbiamo tirata subito. Ci scuserete, non si fa, ne conveniamo.

Però è così, è troppo evidente: solo la difesa ti mette nelle condizioni di sperare. Nella vittoria, nella salvezza.

Sbucciarsi le ginocchia buttandosi su ogni pallone è nel dna di chi è modesto, piccolo, brutto ma almeno sa diventare cattivo: forse forse la Varese di Vertemati si era scordata chi fosse, da dove venisse e dove fosse il suo approdo?

Roijakkers lo aveva detto due giorni fa: forziamo troppe poche palle perse. Oggi la Openjobmetis ha fatto aprire il vaso a una Reyer talmente supponente da lasciarci le cuoia (questa la sua grande colpa): 18 arance buttate nel water. Diciotto. E sono bastate la voglia e forse un paio di dritte,  queste ultime messe in pratica, peraltro, tutte nel secondo tempo, dopo un primo in cui dei canestri solitari di Watt e soci si è comunque perso il conto.

A resuscitare oggi per la gioia di una Masnago che non chiede tanto, solo un po’ di decenza, è stata una Varese ancora tanto tanto sbagliata. In quell’attacco che più di tanto non gira e la linfa vitale l’ha acquistata solo rubando palla e negli errori che comunque – come abbiamo scritto sopra – si sono visti. In un eroe di giornata, quel benedetto e incredibile scavezzacollo di Keene, che prima della scarica decisiva di triple che lo ha eletto re, è stato in punizione per un po’ e poi, spesso, è risultato un buco nero nella manovra, fermandola come un vigile con un trasgressore al volante davanti a una ZTL. E in un Gentile, leader designato, che nel momento del recupero è stato inchiodato al pino e lì c’è rimasto per tanto.

La differenza l’ha fatta aver rotto lo specchio in cui per mesi si è riflessa l’imperfezione biancorossa, un vetro in cui Varese si è rimirata fino all’altro giorno pensando di essere irrimediabile. E quindi diventando anarchica, non perfettibile. Uno specchio fatto di problemi non affrontati a mo’ degli struzzi, di concessioni agli intoccabili che non possono esistere in una squadra (e la panchina odierna di un Gentile comunque non così dannoso – semplicemente meno proficuo di altri – lo ha dimostrato), di una cocente debacle davanti all’esigenza di organizzazione. Di una paura che si tramutava spesso e volentieri nell’indolenza.

Il vento del nord è arrivato e ha promesso di spazzare via tutto, senza guardare più in faccia nessuno, che si chiami Gentile, Keene o Jordan. Il primo refolo ha abbattutto Venezia, rinfocolando la speranza

Grazie di cuore.

Ovviamente anche al teppista con i capelli afro.

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU