/ Salute

Salute | 15 gennaio 2022, 16:46

Sintomi da Covid, positività, tamponi, quarantena: le Faq di Regione Lombardia su come comportarsi

Cosa si deve fare nei casi di sintomi da Covid o positività, come avere i risultati dei tamponi e dove effettuarli, cosa si intende per contatti con un positivo o contatti stretti, quando sono necessari quarantena e isolamento e quanto durano: ecco le risposte della Regione. Allegate all'articolo le tabelle riassuntive con tutte le info

Sintomi da Covid, positività, tamponi, quarantena: le Faq di Regione Lombardia su come comportarsi

Sintomi da Covid, positività, contatti con un positivo, come e quando fare i tamponi, isolamento e quarantena: ecco come comportarsi nelle Faq relative ai singoli casi in cui ci si può trovare, riassunte anche nelle tabelle allegate nella gallery e preparate dalla Regione.

COSA FARE SE HAI SINTOMI DA COVID-19?

Contatta il Medico Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta (PLS) o Medico di continuità assistenziale (ex Guardia Medica) per una valutazione del caso.

Se il medico ritiene necessario un tampone, può:
- eseguire il tampone direttamente
- prenotarlo sul sistema regionale
- rilasciare una ricetta con la quale il paziente può recarsi presso i punti tampone delle ASST, centri massivi, privati accreditati

Ricorda che NON sono ammessi accessi liberi (senza ricetta o senza prenotazione).
Per la consultazione dell’esito del tampone verrà inviato un sms (è necessario fornire un numero di cellulare valido). 

COME AVERE IL RISULTATO DEL TAMPONE?

Per accedere alla procedura di consultazione del referto del tampone basta un click su www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it

ll servizio “Consulta gli Esiti COVID-19” permette di accedere agli esiti dei tamponi COVID-19 tramite inserimento del codice univoco nazionale (CUN), che identifica in maniera puntuale ogni singolo tampone e che viene inviato tramite SMS al cittadino, entro 72 ore dall’esecuzione del tampone. Il servizio consente di visualizzare l’esito del tampone effettuato; per ottenere il referto è necessario accedere al Fascicolo sanitario con le proprie credenziali o richiederlo alla struttura che ha erogato il tampone.

COSA FARE SE SEI POSITIVO AL COVID-19

Devi sottoporti ad un periodo di isolamento:
- di almeno 10 giorni dal tampone positivo (o dall’inizio sintomi se sintomatici)
- di almeno 7 giorni dal tampone positivo, se hai ricevuto la dose booster o hai completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni

L’isolamento si conclude con esito negativo del tampone antigenico o molecolare. Il tampone di fine isolamento (guarigione) può essere effettuato presso:
-il Medico di Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta (PLS)
- i punti tampone delle ASST/punti tampone massivi/privati accreditati (presentando il provvedimento di quarantena rilasciato da ATS, prenotazione da parte di ATS o del medico, ricetta del medico)
- le farmacie (presentando il provvedimento di quarantena rilasciato da ATS o la ricetta del medico).

In caso di persistente positività, l’isolamento può terminare dopo 21 giorni dal tampone positivo (o dall’inizio sintomi) senza tampone. Per rientrare a lavoro è necessario un tampone negativo.

COSA SI INTENDE PER CONTATTO DI CASO?

Un contatto con un caso COVID-19 è una persona esposta ad un caso probabile o confermato COVID-19 in un periodo di tempo che va da 48 ore prima dell'insorgenza dei sintomi fino a 14 giorni dopo o fino al momento della diagnosi e dell'isolamento del caso.

Se il caso non presenta sintomi, si definisce contatto una persona che ha avuto contatti con il caso COVID-19 in un arco di tempo che va da 48 ore prima dell’effettuazione del tampone e fino a 14 giorni dopo o fino al momento della diagnosi (esito positivo del tampone) e dell'isolamento del caso.

CHI SONO I CONTATTI STRETTI DI UN CASO COVID-19

Il “contatto stretto” (o “ad alto rischio”) di un caso probabile o confermato è definito come:
- una persona che vive nella stessa casa di un caso COVID-19
- una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso COVID-19
- una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso COVID19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati)
- una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso COVID-19, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti
- una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d'attesa dell'ospedale) con un caso COVID-19 in assenza di idonei dispositivi di protezione (DPI)
- un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso COVID-19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso COVID-19 senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei
- una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto entro due posti in qualsiasi direzione rispetto a un caso COVID-19; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove il caso indice era seduto.

COSA FARE SE SEI UN CONTATTO DI CASO COVID-19

In caso di sintomi
Contatta il Medico Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta (PLS) o Medico di continuità assistenziale (ex Guardia Medica) per una valutazione del caso.

Se non hai sintomi
Devi sottoporti ad AUTOSORVEGLIANZA per 5 giorni dall’ultimo contatto con il caso, con obbligo di indossare MASCHERINE FFP2 per almeno 10 giorni, se:
- sei vaccinato con dose booster
- hai completato il ciclo primario da meno di 120 giorni
- sei guarito da meno di 120 giorni

Se sei asintomatico non devi sospendere l’attività lavorativa. In caso di sintomi, rivolgiti al Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta

Devi sottoporti a QUARANTENA

- per 10 giorni dall’ultimo contatto, se non sei vaccinato o hai completato il ciclo vaccinale da meno di 14 giorni
- per 5 giorni se hai completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni

La quarantena si conclude con esito negativo del tampone antigenico o molecolare.

Il tampone di fine quarantena può essere effettuato presso:
- il Medico di Medicina Generale (MMG), Pediatra di Libera Scelta (PLS)
- i punti tampone delle ASST/punti tampone massivi/privati accreditati (presentando il provvedimento di quarantena rilasciato da ATS, prenotazione da parte di ATS o del medico, ricetta del medico)
- le farmacie (presentando il provvedimento di quarantena rilasciato da ATS o la ricetta del medico).

Se non è possibile eseguire un test molecolare o antigenico, si può valutare di concludere il periodo di quarantena dopo almeno 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, senza tampone.

Per rientrare a lavoro è necessario un tampone negativo.

COME COMPORTARSI DURANTE L’ISOLAMENTO?

Non uscire di casa. Rimani in una stanza isolato dagli altri e apri spesso la finestra per cambiare aria. Indossa una mascherina chirurgica negli ambienti condivisi. Lava spesso le mani. Usa un bagno separato o pulisci il bagno condiviso dopo ogni utilizzo. Usa sempre asciugamani personali. Utilizza posate/piatti personali. Non invitare né ospitare in casa nessuno.

Per conoscere tutte le misure e i servizi attivati da Regione Lombardia per affrontare l’emergenza Coronavirus vai alla pagina dedicata cliccando QUI.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore