/ Territorio

Territorio | 29 ottobre 2021, 16:34

Premio Padre Ignazio da Ispra: la Famiglia Isprese premia tre cittadini benemeriti

La cerimonia è prevista per sabato 6 novembre in Sala Serra, per la diciottesima edizione della manifestazione, la prima dalla scomparsa del fondatore Bruno Balzarini. I premiati sono Mario Aili, Alessandra Serpellini e alla memoria Rita Ferrari

Premio Padre Ignazio da Ispra: la Famiglia Isprese premia tre cittadini benemeriti

Si svolgerà sabato 6 novembre alle ore 10,30 alla Sala Serra del Comune di Ispra, la diciottesima edizione del Premio Padre Ignazio da Ispra, organizzato dalla “Famiglia Isprese 1985”; sarà questa anche la prima edizione dalla scomparsa del suo fondatore e presidente Bruno Balzarini.

Toccherà a monsignor Luigi Stucchi, vescovo ausiliare emerito di Milano e già vicario episcopale per la zona di Varese, conferire le tre onorificenze che andranno a Mario Aili, ultimo grande imprenditore di Ispra e sempre attento e disponibile alle esigenze della comunità isprese, a Alessandra Serpellini in Magistri per la sua opera come volontaria dal 1992 al 2019 nell’associazione di volontariato e solidarietà “Noi con Voi” di Sesto Calende, così come, alla memoria, a Rita Ferrari in Caravati per il medesimo motivo di Alessandra, ovvero l’opera di volontariato e assistenza gratuita presso la struttura di Sesto Calende.

«Recuperiamo idealmente la cerimonia che si sarebbe dovuta svolgere domenica 23 febbraio 2020 che purtroppo le note vicende legate al Covid ci avevano impedito di svolgere - sottolinea il direttivo dell’associazione isprese- sentiamo altresì la responsabilità e l’emozione dell’eredità culturale, immateriale, e sociale legata al premio e alla figura del suo creatore ovvero Bruno Balzarini essendo questa la prima edizione dopo la sua scomparsa nel febbraio 2019».

«Ringraziamo monsignor Stucchi per aver accolto il nostro invito, il parroco di Ispra don Maurizio Villa e l’amministrazione comunale per il supporto offerto per la buona riuscita di una manifestazione che vuole onorare, attraverso le attestazioni di benemerenza, coloro che si sono distinti, senza risparmiarsi, in ambito sociale a favore della comunità di Ispra» conclude il direttivo. 

Il premio, istituito nel 1985, è intitolato a Padre Ignazio da Ispra, frate missionario cappuccino nato nella cittadina lacuale nel 1880 è scomparso in Brasile nel 1935 e viene conferito, con cadenza biennale, a cittadini o associazioni ispresi che abbiano agito, nelle loro competenze ed azioni, mossi dallo stesso spirito di solidarietà e carità proprie del religioso.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore