/ Sport

Sport | 28 ottobre 2021, 12:30

«Meravigliosa Canottieri Varese, anche in autunno riesce a portare 1.500 persone sul nostro lago dorato»

Presentato il campionato italiano di fondo che andrà in scena domenica alla Schiranna. Il neo assessore allo sport Malerba: «Una società specialista in miracoli». Il direttore generale Frattini: «Il Mondiale Junior del 2023 si annuncia come un evento senza precedenti. Batteremo le 50mila presenze sul territorio grazie al canottaggio»

«Meravigliosa Canottieri Varese, anche in autunno riesce a portare 1.500 persone sul nostro lago dorato»

Manca forse solo un evento europeo o mondiale sul lago ghiacciato perché la Canottieri Varese possa ancora stupire chi già non l'ammira e aggiungere un'ulteriore stella al petto di quella che, oggi, è la società faro dell'organizzazione a livello continentale e non solo. Il campionato italiano di fondo dedicato alle specialità del doppio e del quattro senza in programma domenica alla Schiranna vedrà ai remi 700 atleti di 49 società e coinvolgerà 1.500 persone in totale ed è solo l'ultimo tassello di un mosaico favoloso. 

Al Lido della Schiranna il direttore generale Pierpaolo Frattini ha presentato la manifestazione in arrivo, dando anche alcune anticipazioni sul mega evento del 2023, cioè il Mondiale Junior dell'ultima settimana di luglio, che si annuncia come l'appuntamento sportivo dell'anno per la nostra città e la provincia, non solo a livello sportivo.

«Mi fa piacere essere qui tra amici - ha detto il neo assessore a Sport e Risorse Umane del Comune di Varese, Stefano Malerba, che ha "debuttato" sul campo proprio oggi - perché credo che la Canottieri in questi anni stia facendo miracoli per il territorio. Sta lavorando in maniera molto seria, anche per quanto riguarda il sociale e anche portando eventi sempre più importanti. Sono io che devo imparare dalla meravigliosa Canottieri».

«I tricolori di fondo non si svolgono sui 2000 metri olimpici - ha spiegato Frattini - ma su 6 chilometri in linea retta (questo è l'unico campo di gara dove poterlo fare). Arriveranno società anche da Sicilia e Puglia, il club non della zona più numeroso è la Canottieri Firenze con 28 atleti. Noi abbiamo 58 atleti e 18 equipaggi al via, Gavirate rispettivamente 44 e 15. Si comincia domenica alle 9.30 e, nell'arco di 4 ore, avremo i campioni d'Italia del fondo in doppio e quattro senza in tutte le categorie, maschili e femminili. In conclusione avremo anche le gare master e universitarie». 

«La regata è a cronometro - aggiunge ancora Frattini - gli equipaggi partono a 30 secondi uno dall'altro e vengono divisi in blocchi: il via dal trampolino di Biandronno, l'arrivo è qui alla Schiranna, dove ci sarà naturalmente anche il "terzo tempo" con salamelle e punto ristoro».

Il Mondiale Junior dell'ultima settimana di luglio, intanto, si delinea già come un evento senza precedenti. «Raduneremo i campionati del mondo under 19 e under 23 in un'unica location e, molto probabilmente, aumenteremo le 50 mila presenze sul territorio per una manifestazione di canottaggio per oltre una settimana: parliamo di circa 2 mila atleti che, con gli accompagnatori, raddoppiano e avranno al seguito anche genitori, famiglie e spettatori. Australia, Germania, Usa, Sudafrica - nonostante le iscrizioni apriranno a metà novembre - si sono già prenotate perché Varese ormai è conosciuta ovunque». 

«Qui c'è qualità, qui c'è organizzazione, qui c'è professionalità - dice Fabrizio Quaglino, consigliere della Federcanottaggio - Questo è un punto di riferimento internazionale, l'esempio della Canottieri e della sua capacità di fare sinergia viene portato e seguito anche altrove. Ci vogliono le teste e i tasselli giusti perché tutto questo accada: Varese è il faro».

«Con il Festival dei Giovani, che non poteva e non voleva organizzare nessuno, Varese si è superata - ricorda Leonardo Binda, presidente del comitato regionale Fic - Qualcuno (Frattini) alle 2 di notte ha ricevuto una telefonata e in un mese e mezzo ha organizzato un grande appuntamento, senza nemmeno pensarci. Chiunque lasci il campo di Varese, lascia qui anche un pezzetto del suo cuore».

«L'obiettivo è tornare a quei 50mila pernottamenti che il canottaggio a 360 gradi ha garantito al nostro territorio nel 2019 - dice Antonio Franzi della Varese Sport Commission - per poi accrescere ulteriormente questi numeri. Il canottaggio e i nostri laghi attirano turisti: ci aspettiamo 3mila pernottamenti per l'evento che ci aspetta domenica, pur in una stagione differente rispetto a quella tradizionale del canottaggio. Qui ci sono competenze e voglia di fare».

Chiude Claudio Minazzi, vice presidente della Canottieri: «Le istituzioni (Comune di Varese in primis, Federazione, Regione, Sport Commission) ci danno una grossa mano, noi mettiamo il cuore e la forza. Quest'anno chiudiamo con questi campionati tricolori, speriamo siano di buon auspicio per i campionati del mondo Junior dell'anno prossimo e che siano aperti al pubblico, alle famiglie e a tutti. Ci vediamo domenica sul lago».

Andrea Confalonieri

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore