/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 28 ottobre 2021, 16:49

Baff, “Django & Django”: Quentin Tarantino racconta Sergio Corbucci

Doppio appuntamento martedì 9 novembre alle ore 21, al cinema San Giovanni Bosco per il Busto Arsizio Film Festival: l'incontro con il compositore Fabio Frizzi e la proiezione del documentario scritto dal direttore artistico Steve Della Casa con Luca Rea

Baff, “Django & Django”: Quentin Tarantino racconta Sergio Corbucci

«Una serata in compagnia di un musicista che ha composto molte colonne sonore di cinema “popolare” e di un narratore d'eccezione, Quentin Tarantino, che sullo schermo spiega l'importanza di questo tipo di cinema».

Steve Della Casa, direttore artistico del B.A. Film Festival insieme a Paola Poli, descrive così il doppio appuntamento in calendario martedì 9 novembre alle ore 21 al cinema San Giovanni Bosco (via Bergamo 12): l'incontro con il compositore Fabio Frizzi, per la sezione “I mestieri del cinema” e, a seguire, la proiezione del documentario Django & Django, scritto dallo stesso Della Casa con Luca Rea, regista.

Fabio Frizzi ripercorrerà le tappe della sua carriera, dal successo, arrivato nel 1975 con le musiche del film Fantozzi e de Il secondo tragico Fantozzi, alla collaborazione con il regista Lucio Fulci, per il quale ha composto molte colonne sonore, da I quattro dell'apocalisse a Sette note in nero, da Zombi 2 a Paura nella città dei morti viventi. Frizzi ha lavorato, tra gli altri, anche per Lamberto Bava, Bruno Corbucci e Steno, oltre che per diverse serie televisive. Nel 2012 ha fondato il progetto musicale "F2F - Frizzi To Fulci", una "orchestra rock" che ripropone i brani più celebri delle colonne sonore realizzate per i film horror diretti da Lucio Fulci.

Dalla musica si passerà poi alle immagini. In Django & Django, Quentin Tarantino racconterà perché Sergio Corbucci è “il secondo miglior regista di western italiani”, come afferma un personaggio nel suo recente film “C’era una volta a Hollywood” e come conferma la sua scelta di realizzare Django Unchained ispirandosi a un film di Corbucci degli anni Sessanta. Materiali d’epoca inediti, testimonianze e ricostruzioni per raccontare un cinema e un’epoca irripetibili.

Django, Il grande silenzio, Gli specialisti, Il mercenario, Vamos a matar compañeros, Cosa c’entriamo noi con la rivoluzione: i western di Corbucci come cinema della crudeltà, ma anche come grande invenzione e come metafora di tutte le idee che circolavano nell’Italia degli anni Sessanta. Con le testimonianze di Franco Nero (l’attore preferito di Corbucci) e Ruggero Deodato (l’aiuto regista di Django), con i Super8 inediti realizzati sui set dei film del regista romano, con le immagini degli anni in cui il cinema italiano sapeva parlare a tutto il mondo. E con le animazioni che ricostruiscono un clima, uno spirito, un modo di vivere e di concepire il cinema.

Presentato nella selezione ufficiale della Mostra del cinema di Venezia, il documentario uscirà nelle sale il 15 e 16 novembre, per approdare poi su Netflix.

L'ingresso alla serata è gratuito, ma con prenotazione obbligatoria sulla piattaforma Eventbrite. Il link è pubblicato sul sito www.baff.it e sulla pagina Facebook del festival. Di seguito il link per prenotare https://www.eventbrite.it/e/biglietti-incontro-con-fabio-frizzi-e-proiezione-del-documentario-djangodjango-198944768157

Per accedere alla proiezione è necessario essere in possesso del Green Pass e indossare la mascherina. L'ingresso in sala è consentito dalle ore 20.15; si raccomanda di arrivare con anticipo rispetto all'orario di inizio della serata, per agevolare la procedura di controllo delle prenotazioni.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore