/ Economia

Economia | 25 ottobre 2021, 13:39

Quando e quanto i marchi che ne imitano altri confondono i consumatori? Risponde una ricerca Liuc. Premiata

Lo studio su brand e copycats della Scuola di Economia si è aggiudicato il titolo di “Best paper” alla conferenza annuale dell’Associazione Italiana marketing

Best SIM Conference Paper: la premiazione

Best SIM Conference Paper: la premiazione

Davanti agli scaffali del supermercato può capitare di essere incerti, o meglio confusi, quando ci si imbatte in prodotti molto simili. Che cosa scatta nella nostra mente quando vediamo affiancati un brand e un altro che lo imita? Se lo sono chiesti Chiara Mauri, Martina Gurioli e Fausto Pacicco, rispettivamente Direttore, PhD Student e docente della Scuola di Economia della Liuc – Università Cattaneo, in una ricerca dal titolo "Consumer confusion in front of national brands and their copycats".

Lo studio si è aggiudicato il premio Best Paper in occasione della SIM Conference 2021, l’evento annuale organizzato dalla Società Italiana di Marketing, svoltosi quest’anno ad Ancona all’Università Politecnica delle Marche. Alla ricerca Liuc è andato sia il primo Premio Assoluto, sia quello per la sezione tematica Consumer behaviour. I paper presentati sono stati 131, suddivisi in 12 categorie e giudicati da una commissione di docenti di marketing nei principali atenei italiani.

«Abbiamo indagato – spiega Martina Gurioli – la confusione da similarità generata dai copycats, prodotti che imitano nel packaging (colori, forme e font) i prodotti leader di mercato. Le strategie di copycatting sono sempre più utilizzate, soprattutto nel grocery alimentare, e fanno sì che prodotti tra loro molto simili siano accostati sullo scaffale. La confusione che si genera può essere duplice: innescare fraintendimenti sulla qualità e sull’origine dei prodotti e determinare acquisti sbagliati che hanno un impatto sulla soddisfazione e fiducia dei consumatori verso il marchio, oltre che sulle performance aziendali».

La ricerca si è basata su una survey online. Sono state raccolte le risposte di 235 consumatori residenti in Italia, di età compresa fra 18 e i 75 anni. Ai rispondenti venivano presentati alcuni video dove, a quattro diverse velocità, veniva mostrato un prodotto. L’obiettivo era ricreare la situazione ricorrente della breve sosta davanti allo scaffale, durante la quale il consumatore dedica una frazione di secondo ad analizzare il singolo prodotto. Al termine della visione di ogni video venivano poste domande circa la categoria merceologica e il brand dei prodotti mostrati.    

«La novità del nostro studio – continua Gurioli – risiede nella valutazione del tasso di confusione del consumatore quando viene mostrato un brand leader (per esempio Algida, Aperol, Findus, Bonduelle…) o un copycat, ma anche nell’analisi di come cambia la percezione quando si ha davanti uno store brand (in cui il nome coincide con l’insegna, come Esselunga) e un industrial brand (marchio secondario, come Gaia per le salse)».  

È proprio considerando parallelamente i brand leader, i marchi commerciali e quelli industriali che emergono le principali evidenze della ricerca: «A prescindere dal brand, la confusione si riduce quando gli stimoli visivi sono più prolungati. Inoltre, il tasso di confusione si riduce più velocemente davanti ai marchi leader nella categoria merceologica. Tra store brand e industrial brand, sono questi ultimi a creare la maggiore incertezza. Una possibile spiegazione di questo fenomeno è da attribuire alla capacità dei marchi leader e, in misura minore, degli store brand (essendo legati alle insegne della GDO) di sviluppare elementi distintivi del packaging e del marchio che si fissano nella memoria dei consumatori e consentono loro una più rapida e facile identificazione del marchio. Possiamo dunque considerare i brand come degli amplificatori della confusione».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore