/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 12 ottobre 2021, 18:38

Addio Sport Management, inizia l'era Forus Italia alla piscina Manara di Busto

L'azienda che dirige il centro bustocco dall'estate, garantendo la continuità di gestione dopo il Covid, ieri si è aggiudicata l'asta per la conduzione degli impianti ex Sport Management. La pronuncia del Trubunale di Verona

Addio Sport Management, inizia l'era Forus Italia alla piscina Manara di Busto

Addio Sport Management, a tutti gli effetti, dalla piscina Manara “Marco Sartori” di Busto Arsizio. La nota di “Prime Ssd Arl” (controllata italiana del gruppo spagnolo Forus) lo rimarca a piene lettere. Da domani, mercoledì 13 ottobre, inizia l'era Forus Italia al centro natatorio di Busto Arsizio. Come in altri 16 impianti del territorio nazionale, prima sotto la conduzione della società veronese.

«Quella di ieri, lunedì 11 ottobre 2021, è stata una giornata molto importante per Prime Ssd Arl: la nostra azienda, infatti, si è aggiudicata, a seguito della proposta presentata, l’asta competitiva indetta dal Tribunale di Verona per l’acquisto in lotto unico del ramo d’azienda di proprietà di Sport Management S.p.a. Ssd relativo alla conduzione degli impianti sportivi gestiti dalla società veronese (in concordato preventivo).

Un successo che domani sarà festeggiato anche con un altro importante aggiornamento: la dicitura “Forus Italia” diventerà, infatti, a tutti gli effetti non solo il brand name dell’azienda, ma la denominazione con cui la nostra società opererà sul territorio nazionale. Questo per ricollegarsi alle origini del gruppo, che ha la sua sede principale proprio in Spagna.

È dunque con estremo orgoglio e soddisfazione che la nostra azienda annuncia questa importante novità che le permetterà così di gestire, anche in futuro, gli impianti che in Italia sono stati riavviati negli scorsi mesi e più nello specifico le strutture di: Brugherio (Via Aldo Moro), Busto Arsizio (Via Manara), Cameri (Piazza Atleti Azzurri d’Italia), Cantù (Via Papa Giovanni XXIII), Carpenedolo (Via Piemonte), Cesena (Via Di Vittorio), Crema (Via Indipendenza), Cremona (Piazzale Atleti Azzurri d’Italia), Desenzano Del Garda (Via Giotto, 102), Rimini (Via IX Febbraio 1849), Montecchio Maggiore (Via Bruschi), Mantova (Viale Monte Grappa), Porto Mantovano (Via Papa Giovanni XXIII), Luino (Via Lugano), Thiene (Via Tevere), Verona (Via Santini/Via Villa).

Tutte le strutture elencate proseguiranno le loro normali attività attraverso Forus Italia che garantirà, proprio grazie all’aggiudicazione pronunciata ieri dal Tribunale di Verona, la continuità nella gestione degli impianti fino alla originaria scadenza dei bandi in essere con gli enti proprietari. Una notizia che conferma la solidità e la validità del progetto di riorganizzazione e di rilancio degli impianti sportivi comunali presentato dalla nostra azienda negli scorsi mesi e che ieri ha finalmente raggiunto il traguardo desiderato».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore