/ Cronaca

Cronaca | 08 ottobre 2021, 14:34

Incidente sul cavalcavia in tangenziale: «Quel tratto è pericoloso perché manca la linea di mezzeria»

Sta meglio il 36enne rimasto ferito ieri sulla tangenziale di Varese. Un lettore ci scrive: «Sono passato di lì ieri e sembrava di percorrere un senso unico»

Incidente sul cavalcavia in tangenziale: «Quel tratto è pericoloso perché manca la linea di mezzeria»

Sta meglio l'uomo di 36 anni rimasto gravemente ferito nell'incidente di ieri pomeriggio sul cavalcavia della tangenziale di Varese all'altezza della rotonda di Belforte (leggi QUI). L'uomo si trova ricoverato al Circolo ma non è, in pericolo di vita: i medici hanno escluso lesioni gravi. L'uomo è in osservazione ma le sue condizioni sono buone dopo lo spavento di ieri.

Lo schianto tra le due auto, ieri intorno alle 16.30, era stato molto violento e ha provocato il ribaltamento di uno dei due veicoli. Nell'impatto sono rimasti feriti il trentaseienne, con traumi al torace e al bacino, e una donna di 62 anni, ferita al volto e al braccio. Per l'uomo è stato necessario il trasporto in codice rosso al Circolo di Varese, mentre l'altra automobilista è stata portata al Sant'Anna di Como in codice giallo.

Intanto alcuni automobilisti puntano il dito sulle condizioni di sicurezza di quel punto: «Ho percorso ieri quel tratto di strada - racconta un automobilista che ha contattato la nostra redazione - e arrivando da Induno e immettendomi sul cavalcavia ci si trova subito disorientati e un po’ confusi perché non sono tracciate le righe bianche che delimitano le corsie. Sembra - continua l'automobilista - di percorrere un tratto a senso unico».

Una segnalazione che giriamo di chi di dovere. Saranno in ogni caso gli accertamenti dopo i rilievi compiuti dalla polizia locale di Varese a stabilire con precisione le cause esatte dell'incidente.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore