/ Varese

Varese | 28 settembre 2021, 10:00

Fabrizio Nova, il re delle rotonde colpisce ancora: «Vivo in mezzo alla gente che mi chiede "presidente, faccia qualcosa". Varese degradata, servono poche parole e molti fatti»

Candidato al consiglio comunale nella lista della "sua" Lega, tre volte presidente di circoscrizione (deliberò le tre rotonde di Masnago) e un rapporto di condivisione totale con i cittadini: «Chiedono una città pulita e ordinata prima che grandi opere. Galimberti è rimasto nel Palazzo per 5 anni e poi negli ultimi 3 mesi è uscito»

Fabrizio Nova dall'amato Sacro Monte punta sulla montagna e sul lago ma soprattutto su una città pulita e ordinata, come chiedono i cittadini

Fabrizio Nova dall'amato Sacro Monte punta sulla montagna e sul lago ma soprattutto su una città pulita e ordinata, come chiedono i cittadini

«La gente per me è tutto: chiacchierare con le persone è la cosa più bella che possa esserci. Inutile tenere il muso o arroccarsi quando basta parlare poco con loro per fare molto». 

Il "re delle rotonde" Fabrizio Nova "colpisce ancora", come scrisse la Prealpina in un indimenticabile titolo dopo che approvò le 3 rotonde dello stadio, di Avigno all'incrocio con via Astico e di via Crispi, dall'oratorio verso il centro, per evitare che si continuasse a sfrecciare a Masnago come in autostrada. 

L'uomo della gente torna in mezzo alla gente, "pane" quotidiano di Nova da quando partì la sua avventura nella Lega, anno di grazia 1992, da consigliere della circoscrizione 3 (Velate, Sant'Ambrogio, Bregazzana). «Dal 1997 al 2011 ha vissuto tre bellissime esperienze da presidente della circoscrizione 4 - racconta Fabrizio, 67 anni, papà di Camilla che ha nell'umanità, nell'ascolto e nella capacità di trasformare le esigenze in risorse e poi in fatti concreti la sua indiscutibile dote, ora candidato al consiglio comunale nella lista della "sua" Lega - Bellissime perché esisteva ancora un organo che dava davvero voce ai bisogni dei cittadini e dove si discuteva ma, soprattutto, si decideva. Le mie delibere in circoscrizione sono sempre passate con l’80 per cento dei voti favorevoli perché racchiudevano tutte cose fattibili che i residenti di Avigno, Masnago, Montello, viale Valganna, Calcinate degli Orrigoni e Biumo Superiore volevano e desideravano».

Nel 2006 Nova si dimise da consigliere comunale eletto per continuare a fare il presidente di Circoscrizione «perché sono un uomo da territorio», quel Comune dove ora punta a rientrare («Se nel 2016 fosse stato eletto Orrigoni, sarei stato consigliere: in questi anni ho fatto il libero cittadino che segnala le cose da fare») proprio per riportare lo spirito delle circoscrizioni a Palazzo Estense. 

«Bisogna tornare a coinvolgere chi si è disamorato della politica - dice Fabrizio - esistono le elezioni nazionali e comunali, ma sono queste ultime a decidere della nostra vita quotidiana: il voto è un modo di dimostrate che non ci va sempre bene tutto ciò che viene deciso e che ci tocca da vicino. Perché devono decidere gli altri e non noi chi deve fare il sindaco?».

Nova abita a Masnago e vede «una zona e una città in degrado, c’è bisogno di investire per tenere le castellanze pulite e ordinate. Quando mi vedono, i cittadini mi fermano: “Presidente, faccia qualcosa”. Io ripenso a quelle circoscrizioni e a quei 24 occhi dei 12 consiglieri puntati sui rioni: facevano da collante tra territorio e Palazzo, coinvolgendo anche i giovani. Vorrei riportare quel modo di fare in consiglio comunale». 

«Non ho mai cambiato bandiera - aggiunge - sono tesserato alla Lega dal '92. Matteo Bianchi è una persona a modo, pacata, empatica e preparatissima. C’è da tirarsi giù tre volte il cappello perché ha deciso di fare 4 passi indietro, da parlamentare a candidato sindaco, prendendosi una gatta da pelare mica da ridere».

Tra i temi cari ci sono «il mio Sacro Monte, dove tra l'altro ogni domenica mattina vado a messa - e invito tutti a farlo - perché trovo un’atmosfera particolare, carica di fascino, ispirazione e visione: da lassù osservi tutta Varese e anche oltre», l'amore per il territorio da vivere metro per metro («Sono un grande camminatore, dalla montagna al lago, ogni anno percorro migliaia di chilometri»), così come sarebbe bello che potessero fare i turisti: «Ma se vengono bloccati alla rotonda di Sant’Ambrogio perché non c'è più spazio per salite al Borgo, non tornano più. Dobbiamo puntare sul nostro lago e sul Campo dei Fiori, da curare con amore. Piange il cuore vedere i pini abbattuti dal vento...».

Riguardo la Città Giardino, «che oggi è ben lontana dall'essere veramente un giardino», «Galimberti è rimasto nel Palazzo per 5 anni e poi negli ultimi 3 mesi è uscito. Le grandi opere saranno belle, ma alla gente interessa la quotidianità e cioè una città pulita, ordinata, disciplinata e dove si abbia rispetto degli altri e del prossimo, come mi ha insegnato mia mamma Ofelia, dodicesima di 5 fratelli e 7 sorelle. I varesini non vogliono più vedere cartacce  ovunque».

Ultimo, ma non ultimo, c'è lo sport, compreso il suo Varese: «Ho iniziato correndo i 100 e i 200 metri in atletica, poi sono passato ai 1.000 e ai 1.500. Quando parto, non mi fermo più, un po' come fanno i miei biancorossi tutte le volte che iniziano la scalata. Siamo ancora lontani, ma non troppo, da quella serie B che è nel nostro dna: prima o poi ci torniamo».

Informazione Politico Elettorale


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore