/ Territorio

Territorio | 28 settembre 2021, 17:46

Iniziati a Induno Olona i lavori per la realizzazione del nuovo parco tra il centro e San Salvatore

Si comincia dalla realizzazione di un'area giochi e di un'area cani, spazi che saranno percorsi anche dalla nuova pista ciclopedonale. Il sindaco Cavallin: «Si tratta di una rivoluzione green che riguarda tutto il paese e che aumenterà la qualità della vita degli indunesi»

Iniziati a Induno Olona i lavori per la realizzazione del nuovo parco tra il centro e San Salvatore

Sono iniziati a Induno Olona, i lavori di realizzazione del nuovo parco che dal centro cittadino arriverà fino a San Salvatore e da lì verso Arcisate, sorgendo quindi sul terreno del vecchio sedime ferroviario che oggi è interrato. 

«Il progetto - spiega il sindaco Marco Cavallin - regalerà a questa area del paese densamente urbanizzata un nuovo ed enorme parco urbano. I primi lavori appaltati riguardano nello specifico anche la creazione di un'area parco giochi in zona san Salvatore e una altrettanto vasta area cani nella zona di via Gritti. Entrambe questi spazi saranno ovviamente percorsi anche dalla nuova pista ciclabile, i cui lavori di costruzione sono già cominciati in zona Campi Maggiori/via Arno, per risalire poi passo passo verso la galleria, attraversarla e raggiungere il parco della stazione».

Una fase di grandi trasformazioni non solo urbanistiche per la cittadina della Valceresio. «Per Induno si tratta di un momento epocale - osserva il primo cittadino - un vero cambiamento di prospettiva nel modo di vivere il paese, una novità che aumenterà la qualità della vita degli indunesi, non solo di quelli che vivono in zona. Noi come amministrazione siamo orgogliosi di essere stati - e di essere tuttora - piloti di questa operazione di riqualificazione urbana che ha fatto "atterrare" fondi da Regione Lombardia e Rete Ferroviaria Italiana per oltre 660 mila euro; una lunga corsia verde darà ossigeno e spazio a tutto il paese».

«In questi anni, Induno ha aumentato in maniera decisiva la propria dotazione di verde pubblico, quasi raddoppiandolo: non si tratta insomma di due alberelli piantati qua e là ma di una vera rivoluzione "green" - prosegue Cavallin - da almeno un anno i risultati cominciano a vedersi: il parco della stazione è ben definito ed è sotto gli occhi l'ottimo risultato ottenuto (sia pure ancora da completare), mentre cominciamo ad affrontare la sistemazione della parte nord, oltre la galleria». 

Intanto, anche in Valganna avanza la costruzione del nuovo lotto di ciclopedonale, che collegherà San Gemolo alla zona delle Grotte.

«Nei prossimi anni, il bilancio del Comune dovrà registrare stabilmente questo cambio di prospettiva, contemplando lo stanziamento di adeguate risorse per manutenere degnamente il grande e aumentato patrimonio verde che si ritrova ad avere» conclude il sindaco. 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore