Territorio - 20 settembre 2021, 13:31

VIDEO. Besozzo capitale italiana del calciobalilla paraolimpico. Obiettivi: una palestra dedicata e una stazione ferroviaria accessibile a tutti

Il pluricampione e presidente del Centro Federale Francesco Bonanno ha presentato, con il vicesindaco Coghetto, l'evento nazionale del 23 e 24 ottobre che si terrà in paese: «Vogliamo che il calciobalilla diventi uno sport olimpico»

VIDEO. Besozzo capitale italiana del calciobalilla paraolimpico. Obiettivi: una palestra dedicata e una stazione ferroviaria accessibile a tutti

Francesco Bonanno non è soltanto un pluricampione sportivo, ma è un uomo capace di guardare avanti e di sognare, che sono due azioni indispensabili per far sì che i progetti si trasformino in qualcosa di concreto. 

Bonanno che è un besozzese doc e che proprio a Besozzo, nei locali della stazione ferroviaria, ha collocato la sede del Centro Federale del calciobalilla paraolimpico, di cui è presidente, ha presentato questa mattina in Comune l'evento nazionale che si terrà sabato 23 e domenica 24 ottobre alla palestra delle scuole medie di via Degli Orti.

Una manifestazione cui parteciperanno circa 60 atleti paraolimpici provenienti da tutto il Nord Italia e dalla Svizzera e circa un centinaio di altri concorrenti che potranno concorrere per il Trofeo Città di Besozzo aperto a tutti, anche a chi magari per la prima volta vorrà cimentarsi in questo sport. 

L'evento di fine ottobre, in collaborazione con il Comune, vuole essere soltanto un primo passo di un percorso di promozione del calciobalilla paraolimpico che partirà da Besozzo.

«Il progetto è far sì che il calciobalilla sia considerato uno sport a tutti gli effetti e non un qualcosa che si gioca al bar - sottolinea Bonanno - il sogno è aprire, magari proprio a Besozzo, una palestra dedicata a questo sport, dove possano accedere atleti e famiglie, per arrivare infine all'obiettivo che il calciobalilla diventi uno sport olimpico».

Ma c'è di più, perché un progetto riguarda anche la stazione ferroviaria di Besozzo. «L'obiettivo è renderla accessibile a tutti, cominciando dalla realizzazione di servizi igienici per le persone disabili che sono fondamentale» spiega Bonanno. 

Alla manifestazione di ottobre ha contribuito anche l'amministrazione comunale di Besozzo. 

«L'amico Francesco Bonanno è un presidente ricco di idee ed è difficile stargli dietro - commenta il vicesindaco Gianluca Coghetto - siamo contenti e orgogliosi che Besozzo ospiti un evento di rilievo nazionale. Lo sport è un mezzo fondamentale di inclusione sociale e compito di un'amministrazione è promuoverla».

Il Comune raccoglie la sfida di Bonanno riguardo la stazione ferroviaria di Besozzo. «Siamo pronti a fare la nostra parte - ha concluso Coghetto - perché la stazione sia per tutti, è un progetto con cui vogliamo lavorare con le Ferrovie».  

 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU