Busto Arsizio - 18 settembre 2021, 12:27

A Busto le final four della prima Coppa Italia di pallanuoto paralimpica

Sabato 16 e domenica 17 ottobre, la piscina Manara-Sartori ospiterà l’importante appuntamento. La soddisfazione di Federazione, Waterpolo Ability Busto, Forus e amministrazione

A Busto le final four della prima Coppa Italia di pallanuoto paralimpica

Si terranno a Busto Arsizio le final four della prima Coppa Italia di pallanuoto paralimpica. Sabato 16 e domenica 17 ottobre, la piscina Manara-Sartori ospiterà l’appuntamento intitolato a Roberto Melissano, ex atleta delle discipline acquatiche e pioniere del movimento paralimpico.

Insieme alla squadra “di casa” della Waterpolo Ability, si tufferanno in acqua Rari-Nantes Florentia, S.S. Lazio e Centro Sportivo Portici.
«Un altro tassello del magnifico percorso dello sport a Busto – sottolinea il sindaco Emanuele Antonelli alla presentazione dell’evento, coordinata dalla giornalista Chiara Milani –. È la dimostrazione che il titolo di Città Europea dello Sport 2023 è meritato».

«I ragazzi della Waterpolo Ability ci hanno accolto questa mattina con dei sorrisi incredibili – aggiunge l’assessore allo Sport Laura Rogora –. Ospitare questo appuntamento è una scelta vincente ed è solo il primo passo di una lunga collaborazione».

Mario Giuliano, referente nazionale pallanuoto Finp, ha voluto ricordare Roberto Melissano: «Un vero riferimento – dice –. Abbiamo ereditato il suo impegno e realizzato il sogno del primo campionato di Serie A. Ora la Coppa Italia a Busto, una cattedrale della pallanuoto. E a dicembre si terrà la Supercoppa a Palermo».
Il percorso per rendere la pallanuoto una disciplina paralimpica è dunque avviato.

Dopo le traversie dei mesi scorsi, la piscina Manara-Sartori, ora gestita da Forus, sarà dunque teatro dell’importante appuntamento.
Soddisfatto Maurizio Castagna di Forus: «Siamo contenti di ospitare questo evento – afferma –. Non si tratta di una semplice manifestazione di agonismo. Il paralimpismo dimostra che non possono esistere stigmi o motivi di esclusione».
Domani, tra l’altro, come ricordato dal capoallenatore di Prime Luca Polacchi, ci sarà un allenamento congiunto con i ragazzi con disabilità.

Da Simona Pantalone, presidente di Waterpolo Ability, una serie di grazie. All’amministrazione comunale, «che ci ha permesso di venire “a casa” dimostrando grande sensibilità quando a luglio ci siamo ritrovati senza piscina». A Forus: «So quanto Maurizio Castagna sia attento a questo mondo». E alla Federazione: «Sono orgogliosa di avere la loro fiducia. L’Italia è pioniera: stiamo valutando la possibilità di organizzare per il prossimo 25 aprile un torneo di inclusione con ragazzi con disabilità intellettiva e fisica e normodotati, a cui potrebbero partecipare anche squadre spagnole».
Il percorso della pallanuoto paralimpica continua. Con Busto protagonista.

Riccardo Canetta

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU