/ Territorio

Territorio | 17 settembre 2021, 09:45

Il futuro dell'ospedale di Luino finisce in Parlamento

Il deputato varesino del Movimento 5 Stelle Niccolò Invidia, in accordo con il neonato comitato 3.0, ha presentato un'interrogazione alla Camera: «Vogliamo conoscere le intenzioni del Governo sul destino della struttura, ora il problema è nazionale, nessuno può tirarsi fuori»

Il futuro dell'ospedale di Luino finisce in Parlamento

Il futuro dell'ospedale di Luino approda in Parlamento con un'interrogazione presentata dal deputato del Movimento 5 Stelle Niccolò Invidia, in accordo con il neonato Comitato Ospedale Luino 3.0, «per comprendere, data la situazione di difficoltà del nosocomio luinese, quali siano le intenzioni del Governo in merito al futuro della struttura ospedaliera» spiega in una nota Furio Artoni, capogruppo di minoranza di Azione Civica e portavoce del comitato. 

L'interrogazione è stata presentata alla Camera dei Deputati, alla quale seguirà probabilmente una richiesta di intervento anche a Regione Lombardia. 

«Il Comitato, forte dei gruppi che si sono uniti per sostenere la nuova associazione - continua Artoni - vuole nei prossimi giorni rivolgere un invito anche a tutti gli altri esponenti di forze politiche presenti sul territorio: parliamo di Alfieri, Astuti, Versace, Bianchi e dello stesso presidente della Regione Attilio Fontana. Ora il problema dell'ospedale di Luino è a livello nazionale. Nessuno può tirarsi fuori».

Quale portavoce del comitato, prosegue Artoni «mi sento in dovere di ringraziare tutti i cittadini che ci stanno sostenendo e i gruppi a favore dell'ospedale che rinunciando a pretese individualistiche hanno voluto unirsi».

Il comitato 3.0 ha "federato" infatti vari gruppi pro ospedale come "Io voglio l'ospedale a Luino" di Roberta Donati, il comitato per l'ospedale di Luino di Pietro Agostinelli e Daniela Giannini, che ha raccolto 7.500 firme e i gruppi spontanei che sono sorti in passato e che «hanno creato le condizioni per portare avanti un'azione a difesa del nostro nosocomio» ricorda il portavoce. 

Il Comitato 3.0 invierà nei prossimi giorni a tutti i 21 sindaci della zona una richiesta di collaborazione. «Collaborazione che deve essere di tutti, senza distinzioni di appartenenze politiche. Vediamo chi resta a favore dell'ospedale e chi invece curerà altri interessi» dichiara Artoni. 

«Intendo convocare una pubblica assemblea - conclude il portavoce - nella quale si potrà raccogliere la disponibilità a proseguire con interventi presso le sedi istituzionali sino ad ottenere il risultato voluto che è quello di avere una struttura ospedaliera di base dotata dei servizi essenziali a garantire una copertura adeguata così come previsto dal decreto ministeriale oggi apertamente violato». 

Redazione


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore