Elezioni comune di Varese

 / Politica

Politica | 13 settembre 2021, 23:08

Primo confronto pubblico a 7 per i candidati sindaco, al Circolo di Capolago

Matteo Bianchi, Caterina Cazzato, Carlo Alberto Coletto, Davide Galimberti, Pitto Pitarresi, Francesco Tomasella e Daniele Zanzi hanno riposto alle domande del giornalista Matteo Inzaghi su Pnrr, quartieri e un focus su Capolago

Primo confronto pubblico a 7 per i candidati sindaco, al Circolo di Capolago

Tre domande ciascuno e tre minuti per rispondere. Si è svolto questa sera al Circolo di Capolago il primo confronto a sette per i candidati alla carica di sindaco di Varese. Tutti presenti, in ordine alfabetico: Matteo Bianchi, Caterina Cazzato, Carlo Alberto Coletto, Davide Galimberti, Pitto Pitarresi, Francesco Tomasella e Daniele Zanzi, sono stati intervistati dal direttore di Rete 55, Matteo Inzaghi. 

La prima domanda a cui hanno dovuto rispondere è quella sul Pnrr e su come spenderebbero la parte dei 250 milioni di euro destinata a Varese. Per Matteo Bianchi, prima di calarsi nelle singole voci di spesa, «occorre avere visione per la città di Varese che per noi ha sostanzialmente due gambe vocazionali legate all’accessibilità e all’imprenditoria e quindi investiremmo nel turismo, nela viabilità e in un effficentamento della burocrazia, cominciando col centrializzare in un unico edificio gli uffici comunali». Per Caterina Cazzato «le associazioni e la cittadinanza sono i primi interlocutori con cui costruire una progettualità per il Pnrr». Per Carlo Alberto Coletto «i servizi socio sanitari, il turismo, la cultura e lo sport sono gli ambiti in cui intervenite». Per Davide Galimberti è tutto già scritto in quanto il piano per Varese è già stato presentato (leggi QUI). Pitto Pitarresi investirebbe le risorse per dare una risposta ai problemi viabilistici della città. Per Francesco Tomasella i fondi «dovrebbero essere usati per rilanciare la vita in città e quindi destinati ai buss e alle associazioni culturali». Daniele Zanzi dainvece come non andranno spesi: «non vanno sprecati e impiegati a pioggia. Ci vuole una visione per questa città che non è più città del turismo, nè del commercio, ma l'ambiente è la nostra vera ricchezza che non sono parchi e giardini ma tutto l'oro verde».

Il secondo confronto è stato sui quartieri e ancora Daniele Zanzi ha insistito «sulla valorizzazione dell’identità che ogni castellanza e rione di Varese possiede: non devono essere omologati, con gli stessi negozi e gli stessi servizi e soprattutto non si può pensare di dotarli di parcheggi o di marciapiedi ricorrendo agli oneri di urbanizzazione che danno origine a scempi urbanistici sul territorio». Per Francesco Tomasella vale quanto detto per il Pnrr e «i quartieri devono essere serviti in egual misura e poi saranno i cittadini ad autodeterminare le loro necessità che il politico deve saper ascoltarle». Pippo Pitarresi, che da impiegato Aspem ha girato i rioni in lungo e in largo, vorrebbero che fossero implementati i servizi alla persona. Davide Galimberti ha già investito molto nei quartieri in questi 5 anni «in termini di sicurezza dei pedoni e illuminazione e quindi punta sui consigli di quartiere e sul processo partecipativo per cui sono stati creati: «saranno loro a disegnare i rioni». Anche per . Caterina Cazzato l’ascolto dei consigli di quartiere è fondamentale per comprendere le reali esigenze dei residenti «sul modelli però dei 15 minuti, ossia che in ogni rione devono essere presenti tutti i servizi». Matteo Bianchi punta alle squadre anti degrado e ad un ufficio dedicato ai rioni.

Terzo e ultimo giro su Capolago e le criticità che la Cooperativa ha segnalato: la mancanza di parcheggio, la scarsa manutenzione ordinaria, la poca sicurezza stradale e il potenziamento della banda larga. Alle istanze il sindaco uscente risponde che «Capolago è già migliorata negli ultimi cinque anni con l’illuminazione e il parcheggio della ciclabile. Nei prossimi cinque anni ne seguiranno altri». Zanzi si è battuto per far ridurre la velocità nel quartiere, ma è sulla manutenzione del verde che promette un impegno serio e costante. Pitarresi ironizza invece sulla spaccatura del rione: da un parte il disastro e dall’altra tutto funzionale.

Qui sotto la diretta completa sul confronto 

Valentina Fumagalli


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore