Politica - 09 settembre 2021, 13:35

VARESE - Civati: «Avanti tutta con la piscina all'ex Aermacchi. E il Lino Oldrini sarà il polo attrattivo principale di Varese»

I progetti dell'amministrazione uscente sulle strutture sportive sono stati ribaditi questa mattina con i candidati PD. Al centro anche il campo d'atletica di Calcinate degli Orrigoni «dove sorgerà anche una palestra» e i "sentieri urbani"

VARESE - Civati: «Avanti tutta con la piscina all'ex Aermacchi. E il Lino Oldrini sarà il polo attrattivo principale di Varese»

Piscina all’ex Aermacchi e palazzetto Lino Oldrini, ma non solo: il centrosinistra - espressione della giunta varesina attuale - vuole andare avanti tutta con le strutture sportive cittadine in caso di riconferma.

«L’idea di collocare presso l’area ex Aermacchi una struttura sportiva importante come la piscina olimpionica rimane vincente - ha detto questa mattina l’assessore uscente ai Lavori Pubblici Andrea Civati, intervenuto insieme a diversi rappresentanti della lista elettorale del PD al campo di atletica di Calcinate degli Orrigoni - La città l’attende da tanti anni, molti atleti del nuoto e della pallanuoto sono costretti ad andare altrove ad allenarsi e Varese, con questa mancanza, non può ospitare manifestazioni di un certo livello. La realizzazione della piscina, insieme ad altre strutture indoor come per esempio la palestra per il basket è vincente negli stessi spazi, continueremo a portarla avanti insieme al preponente e alla proprietà»

Avanti tutta quindi con i progetti - almeno quelli sportivi - legati all’ex area industriale dopo lo stop della Sovrintendenza (leggi qui), ma c’è anche il Palazzetto - il cui progetto esecutivo di riqualificazione è stato depositato a luglio e di cui due lotti sono già stati finanziati - nelle intenzioni dell’amministrazione: «I primi due lotti aggiungeranno valore alla struttura comunale - ha proseguito Civati - però non ci vogliamo fermare qui, perché gli ulteriori lotti di valorizzazione del palazzetto consentiranno di acquisire una multifunzionalità che potrebbe aiutare molto lo sport e la sostenibilità dei costi, perché permetterebbero all’impianto di accogliere grandi eventi, concerti e spettacoli teatrali, facendolo diventare il polo attrattivo principale della città di Varese in questo campo». Con ovvie possibili ricadute positive in termini economici anche sulla società gestrice, ovvero la Pallacanestro Varese.

L’appuntamento elettorale odierno ha preso però sviluppo da un’altra riqualificazione già andata in archivio: quella del campo di atletica di via Giordani. È stato il secondo appuntamento di presentazione del programma del Partito Democratico: «La Varese immobile che dipingono gli avversari non esiste - ha detto il segretario cittadino Luca Carignola - e questo campo di Calcinate degli Orrigoni ne è la prova. Lo sport è una delle vocazioni di Varese e sono diverse le cose che abbiamo migliorato».

«Abbiamo visto e vedremo sempre lo sport nell’ottica del benessere che porta ai cittadini, in particolare i bambini - ha affermato l’assessore ai Servizi Educativi Rossella Dimaggio - E cito in quest’ottica l’aver portato ai doposcuola degli istituti varesini la possibilità per tutti di fare sport. Oltre ai grandi interventi come quello sul Palaghiaccio, a noi interessa questa prospettiva sociale, vicina alle famiglie, e tutto è stato fatto con un approccio sinergico tra i vari assessorati. In futuro penseremo anche a luoghi destrutturati per fare sport, come i giardini».

«Gli investimenti sul campo di atletica sono qui da vedere - ha continuato Civati - e sinonimo di innovazione ed eccellenza, come il rifacimento degli spogliatoi o il rettifilo coperto che permette di allenarsi anche in inverno. Per il futuro pensiamo, sempre qui, di realizzare una palestra».

A prendere la parola sull’argomento anche diversi consiglieri e candidati della lista PD alle prossime elezioni: «L’impegno che personalmente mi prenderò sarà quello di far sì che tutte le palestre e gli impianti possano venire utilizzate dai disabili, anche oltre le norme che già garantiscono l’assenza di barriere architettoniche agli accessi» ha detto la consigliera uscente Francesca Ciappina. «Vogliamo incentivare la costruzione di strutture sportive nei quartieri che fungano da spazi di socialità, soprattutto per gli adolescenti» ha invece rimarcato il consigliere uscente Alessandro Pepe. 

Se le candidate Simona Sessarego, Giovanna Ferloni e Nadia Tortoreto hanno sottolineato in modi diversi «l’attenzione del sindaco Galimberti allo sport» e la volontà di proseguire sulla strada tracciata, e il candidato Raffaele Novario «il lavoro fatto dall’amministrazione uscente nel coniugare lo sport d’eccellenza con lo sport educativo», Matteo Capriolo, presidente del consiglio di quartiere di Bustecche-Bizzozero, ha ricordato «l’importanza di un’opera, il nuovo skate park delle Bustecche, per le giovani generazioni».

A rilevare - e citato dai presenti - è anche l’argomento dei sentieri urbani, definiti come “percorsi nel verde o lungo le strade veicolari a bassa intensità che possono essere usati da atleti e praticanti per le attività di riscaldamento sportivo e per raggiungere i luoghi di allenamento”.

Fabio Gandini


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU