/ Basket

Basket | 28 agosto 2021, 19:49

FOTO e VIDEO - La prima di una Varese innegabilmente "diversa": Friburgo battuta e applausi dei tifosi

La prima uscita stagionale della Openjobmetis 2021/2022 è una vittoria sui campioni di Svizzera: finisce 90-67. Kell (20) e Gentile (18) protagonisti, ma quello che appare subito evidente è un'identità tecnica completamente differente rispetto al passato. Nel video le parole di Vertemati

Foto di Martina Zuliani

Foto di Martina Zuliani

Iniziare sorridendo significa iniziare con il piede giusto, al netto di avversari (peraltro stavolta, almeno sulla carta, non così banali: Friburgo fra due settimane si giocherà l’accesso alla Champions League), condizione fisica e importanza del match.

La prima della Openjobmetis 2021/2022 è effettivamente un sorriso: Friburgo viene battuta 90-67, il centinaio di tifosi giunti da Varese a fine gara applaude convinto e soddisfatto.

Quali indicazioni trarre da questa prima, peraltro incompleta viste le assenze di Jones e Beane? Una è fuor di dubbio e non ha bisogno di altre prove per essere conclamata: la Varese di coach Vertemati è certamente diversa da tutte quelle viste nel recente passato. Molto diversa. Che sia migliore è un auspicio ma è tutto da vedere.

La Varese di Vertemati è una squadra che fa del tonnellaggio e dei centimetri un punto di forza che costituisce lo zenit da cui nasce il gioco, un gioco che non naviga intorno alla linea dei tre punti ma cerca la profondità vicino a canestro, o gravando su Egbunu o andando fino in fondo con esterni e Gentile. È una squadra che tira poco da tre punti e cerca di correre, appena è possibile e non disdegnando di far partire in palleggio gli stessi rimbalzisti. È una squadra che disegna, tramite il suo coach, tanti giochi per il post basso, anche a volte come evoluzione di schemi che partono con il pick and roll centrale. Ed è, infine, una squadra che - se avrà voglia e se saprà seguire le indicazioni della sua panchina  - pare avere tutte le carte in regola per condizionare le partite in difesa, sfruttando la combinazione tra la presenza immanente di Egbunu e la fisicità degli esterni.

Queste le impressioni generali, primissime e quindi da prendere con le molle. I singoli? Stessa regola: si parla solo di 40 minuti. Ma già si può dire qualcosa: piace l’intelligenza di Sorokas, utilizzato anche da 5 per diversi minuti; Gentile (18 punti), dopo un inizio sotto traccia, ha messo in mostra il campionario offensivo sperato, di certo variegato e senza forzare; il play Kell (20 punti) è in realtà una guardia che giocherà spesso in coppia con De Nicolao: la personalità non sembra mancare, la fisicità è impressionante per il ruolo, il tiro va e viene; più difficile giudicare Wilson, oggi alterno, così come Caruso.

Solo quaranta minuti su un parquet: si è già scritto anche troppo.

La cronaca

I primi sei punti stagionali sono tutti di Egbunu, e sono punti facili: il big man americano viene ben servito da Sorokas e Kell e deve solo appoggiare o schiacciare. Anche la tenuta difensiva funziona con John in mezzo e Varese va 6-0. Iniziano i primi cambi che chiamano in causa Ferrero, Caruso e Amato: i biancorossi, sbagliando diversi tiri e penetrazioni, entrano in modalità digiuno e vengono sorpassati al 7’ (7-9), prima di ritrovare mordente in difesa, recuperare diversi palloni e conquistare parecchi liberi che fissano - con i personali di Amato, Sorokas e Ferrero - il 14-9 del 10’. Si rientra sul parquet e l’impatto positivo è quello di Virginio: è lui a segnare la prima tripla della stagione, dopo tanti ferri dei compagni. Si sblocca anche Gentile, dalla lunetta, mentre Sorokas corre in campo aperto dopo un recupero e propizia il 23-13. Quattro rimbalzi offensivi concessi convincono Vertemati a chiamare minuto. Giusto una reprimenda, perché i varesini continuano a girare piuttosto bene e ancora Gentile ne mette 4 consecutivi in giochi spalle a canestro: è 26-13 ed è il massimo vantaggio. Friburgo lima la distanza con liberi conquistati ancora su rimbalzi d’attacco, poi è il turno di Kell nel rompere un digiuno, nello specifico quello personale dalla distanza: due bombe di fila segnano un altro massimo vantaggio sul 34-19. Nel finale di quarto la Openjobmetis dilaga, ancora con l’ex Milano, poi con la bomba di Wilson, infine con la corsa in contropiede di Sorokas: alla seconda sirena il tabellone della Sport Haus segna 45-23.

Il 3-7 di Friburgo a inizio ripresa non preoccupa più di tanto Vertemati, anche perché Ale Gent ricomincia da dove aveva lasciato: da leader. L’intero campionario dell’all around (post basso, entrata, jumper) produce sei punti che, aggiunti a quelli di Caruso, firmano il 55-35 al 25’. Varese però si rilassa un po’, complice l’acido lattico e qualche disattenzione in difesa e a rimbalzo (con Caruso che si prende il primo shampoo della stagione dal suo allenatore): Friburgo rientra fino al -13 (59-46 al 27’), prima che un altro sprazzo balistico di Kell (3 triple consecutive) riporti il punteggio, in concomitanza con la terza sirena, sul 68-50. Un 6-0 svizzero apre l’ultima frazione, il minuto di Vertemati è allora di rigore. Ci pensa ancora Gentile, stavolta da 3, a ricacciare indietro gli avversari, poi è un splendido gioco a due tra Amato e Sorokas in velocità a strappare gli applausi dei 100 tifosi venuti dal Sacro Monte (75-56 al 35’). Negli ultimi 5 minuti tanto spazio a Caruso, Virginio, Librizzi e Ferrero: è quest’ultimo che ne approfitta. Le due bombe del capitano sono l’ultima gioia della serata, che si chiude sul 90-67.

 

PALLACANESTRO OPENJOBMETIS VARESE-FRIBOURG OLYMPIC BASKET: 90-67 (14-9; 45-23; 68-50)

Pallacanestro Openjobmetis Varese: Kell 20, Gentile 18, Sorokas 10, De Nicolao 8, Wilson 3, Librizzi, Egbunu 10, Virginio 4, Ferrero 9, Jones, Caruso 6, Amato 2. Coach: Adriano Vertemati.

Fribourg Olympic Basket: Maquiesse, Mitchell 6, Gravet 4, Diggs 3, Tomic, Jurkovitz 14, Miljanic 12, Cotture 9, Mbala 9, Memishi, Solca 3, Jankovic 7. Coach: Petar Aleksic.

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore