/ Cronaca

Cronaca | 13 agosto 2021, 12:59

Escursionista varesino disperso sulle montagne del Friuli, recuperato dopo una notte all'addiaccio

Con lui sono rimasti bloccati in quota in Val Resia altre tre persone. Sono stati raggiunti dagli uomini del Soccorso alpino e della Guardia di Finanza e portati a valle alle primi luci dell'alba

I quattro escursionisti dispersi

I quattro escursionisti dispersi

Brutta avventura per un escursionista varesino, disperso in Friuli insieme ad altre tre persone e recuperato dal Soccorso alpino friulano dopo una notte di ricerche a Resia, in provincia di Udine. I quattro dispersi da ieri in Val Resia sera sono stati recuperati questa mattina alle prime luci dell'alba.

I quattro escursionisti dispersi da ieri sera, due uomini e due donne compresi tra i 50 e i 70 anni - due di Gemona del Friuli, uno di Brescia e uno di Varese- erano partiti nel pomeriggio da Casera Coot per una passeggiata semplice e hanno finito per prendere la traccia che conduce sul Rio Ronch attraverso salti di roccia finché, non riuscendo più a proseguire, sono stati raggiunti dal buio.

La zona in cui si trovavano è senza copertura telefonica ma fortunatamente ieri sera sono riusciti a effettuare una chiamata d'emergenza al 112 e tramite la Sores e la centrale operativa si è riusciti ad agganciare l'ultima posizione offline registrata dalla rete che poi si è rivelata essere quella giusta.

Molto impervio il luogo in cui si trovavano tant'è che i soccorritori della stazione di Moggio Udinese e della Guardia di Finanza - otto persone - giunti da due direzioni diverse, dal basso e dall'alto durante la notte non sono riusciti a proseguire lungo quella che si presume fosse, da un certo punto in poi, la traccia da loro seguita. Per maggiore sicurezza hanno optato per manovre di corda.

Una volta individuati ieri sera verso le 23.30 in fondo al Rio dall'alto grazie alle luci dei cellulari i dispersi sono stati raggiunti dai soccorritori che hanno effettuato sei calate in corda doppia per 200 metri di dislivello. Una volta raggiunti sul fondo i soccorritori hanno fornito loro quattro teli termici per trascorrere la notte, dato che non erano certo attrezzati per stare di notte all'aperto e hanno atteso con loro. Molto spaventati stavano bene a parte qualche graffio.

I quattro sono stati recuperati dall'elicottero della Protezione Civile questa mattina - assieme ai due soccorritori che si sono calati - grazie ad una sporgenza sulla quale sono stati accompagnati all'interno del canale, nonostante gli spazi relativamente ristretti per l'elicottero, affrontati dalla professionalità e abilità del pilota.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore