Territorio - 11 agosto 2021, 09:47

Statale Briantea interrotta a Malnate. La sindaca Bellifemine: «Obiettivo riaprire almeno una corsia entro fine agosto»

La prima cittadina ha incontrato il Prefetto con i Comuni di Vedano e Olgiate Comasco, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Provincia: «Mi rendo conto del disagio arrecato a tutti gli automobilisti, ma assicuro che tutte le strategie alternative sono state messe in campo in sinergia con le istituzioni coinvolte»

Il muro di contenimento ceduto sulla Briantea a Malnate

Il muro di contenimento ceduto sulla Briantea a Malnate

Riaprire almeno una corsia della statale Briantea nel tratto chiuso a Malnate da domenica 25 luglio a causa del cedimento del muro di contenimento di una corte privata che si affaccia sulla strada; da quel giorno, il traffico per la Svizzera e verso Varese viene deviato con grandi disagi per gli automobilisti e i residenti. 

Questo l'obiettivo della sindaca Irene Bellifemine che nei giorni scorsi ha incontrato il Prefetto di Varese insieme ai Comuni di Olgiate Comasco e Vedano Olona, il comandante dei carabinieri di Varese, i vigili del fuoco e la Provincia. «Scopo della riunione era analizzare i problemi sulla viabilità dell’intera area di collegamento tra le province di Como e Varese - riferisce Bellifemine - il Prefetto ha fatto eseguire dai carabinieri una valutazione in loco sulla segnaletica messa in atto per deviare la modifica della mobilità stradale ritenendola corretta».

«Questa - prosegue la sindaca di Malnate - verrà ulteriormente potenziata cercando di deviare il traffico, soprattutto quello pesante, a monte e a valle di Malnate. Insieme a queste istituzioni pubbliche era presente anche il legale rappresentante dei privati a cui appartiene la corte interessata dal cedimento del muro di contenimento; questi ultimi si sono resi collaborativi e finora hanno adempiuto ai primi punti dell'ordinanza emessa dal Comune appena si è verificato il cedimento e la conseguente chiusura della Statale. Tuttavia è stata concessa una proroga di sei giorni (a fronte di alcune difficoltà emerse dopo le prime valutazioni) del progetto per la messa in sicurezza e il ripristino definitivo. Entro il 20 agosto i privati dovranno comunicare come intendano proseguire. Il Prefetto intanto ha chiesto al legale dei privati la massima collaborazione con i tecnici comunali».

«Ciò nonostante - continua la prima cittadina - occorre sottolineare che la situazione non è affatto semplice come potrebbe apparire ai meno esperti e l’impegno economico per il privato potrebbe risultare troppo gravoso; ciò richiederebbe una sostituzione da parte del comune che in seguito si dovrà rivalere sui privati. A tal scopo si sta procedendo all'individuazione preventiva di professionisti in grado di intervenire tempestivamente alla messa in sicurezza e ripristino».

«Il nostro obiettivo è quello di riaprire almeno una corsia entro fine agosto - conclude Bellifemine - nel frattempo però, qualora il privato non possa adempiere, stiamo già studiando come intervenire direttamente attraverso il supporto di esperti geologi e ingegneri strutturisti che stanno collaborando con i responsabili delle aree tecniche comunale. Mi rendo conto del disagio arrecato a tutti gli automobilisti ma assicuro che tutte le strategie alternative sono state messe in campo in sinergia con le istituzioni coinvolte in favore della sicurezza cittadina».

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU