Sport - 30 luglio 2021, 07:00

A casa Cesarini, dove è partito il sogno. Tra emozioni, lacrime e aneddoti: «Quella volta che Federica cadde nel lago...»

Siamo andati a Bardello, in riva al lago di Varese. Ad accoglierci i genitori della neo campionessa olimpica Cesarini, Isabella e Francesco. E la storia di un percorso iniziato a 12 anni e arrivato ieri sul tetto del mondo

A casa Cesarini, dove è partito il sogno. Tra emozioni, lacrime e aneddoti: «Quella volta che Federica cadde nel lago...»

È stata una giornata intensa quella di ieri per Isabella e Francesco, genitori della campionessa olimpica di Bardello, Federica Cesarini.

Nella loro casa in riva al lago di Varese, da dove è partita la cavalcata della loro figlia verso il sogno a cinque cerchi, avveratosi alle 3:25 della notte tra mercoledì e giovedì, li trovi stremati ma euforici, ancora vogliosi di condividere le loro emozioni.

La prima a prendere la parola è mamma Isabella, l'artefice principale di questa avventura sportiva: quando Federica non voleva più giocare ad hockey (col fratello Matteo), decise lei di sederla su una barca di canottaggio. Come timoniera. Aveva 12 anni: affrontò subito l’Europeo, per giunta a Varese, sulla barca dell’8 con, arrivando terza.

Racconta che ha cercato di sentire costantemente la figlia via messaggio in questi giorni, infondendole calma, tenendole alto il morale e suggerendole di fare bene ma senza fretta: «Stai tranquilla - rispondeva Federica - Mi regolerò in base alle mie forze, per evitare mal di schiena e infortuni». E il timore che le avesse esaurite c'è stato soprattutto dopo la semifinale, dopo aver fatto registrare il record olimpico...

Subito dopo la vittoria Isabella è scoppiata in lacrime: quando la figlia l'ha videochiamata con la medaglia al collo, l'unico scambio possibile - e bellissimo - tra le due è stato un "ti voglio bene".

Poco prima la suspence dell'arrivo: «Ci siamo bloccati un attimo perché dalle riprese non si capiva bene chi fosse primo, secondo o terzo: le 4 barche erano lì, punta a punta… Poi vedere Federica girarsi verso il maxi schermo per capire come fosse finita e il suo urlo mi hanno fatto saltare in piedi dalla gioia: lì finalmente mi sono rilassata»

La notte appena trascorsa probabilmente sarà stata la prima nella quale questi stoici genitori saranno riusciti a dormire, dopo l'impegno con le telecamere Rai nella trasmissione "Il Circo degli Anelli" nella serata di ieri: prima solo tensione e adrenalina ad accorciare il sonno, oltre che il fuso orario... Neanche loro però hanno mai mollato, proprio come Federica e Valentina.

C'erano Isabella e Francesco, insomma, come ci sono sempre stati, pur rispettando altrettanto sempre il volere della figlia: «Fin da piccola l'abbiamo accompagnata agli eventi solo quando ha voluto. Federica è testarda e forte caratterialmente, ha sempre preso le sue decisioni in maniera indipendente: qualche volta sì e qualche volta no, ma sempre sicura che in caso di bisogno noi ci saremmo mossi al suo fianco».

Al suo fianco dove comunque c'è anche Valentina, una compagna di barca e un'amica: «Sul tetto di questa Olimpiade ci sono arrivate insieme: Valentina la compensa, la completa e l'ha fatta crescere mentalmente, a livello sportivo e non solo». Scende una lacrima: «Oggi (ieri ndr) Federica ha realizzato il sogno della sua adolescenza. Un sogno che è sempre stato suo, nonostante la consapevolezza dei sacrifici necessari»

Inevitabile che un pensiero tocchi anche a chi ha - tecnicamente - creduto nelle due ragazze oggi campionesse: è Giovanni Calabrese, deus ex machina di quella Canottieri Gavirate dove tutto è iniziato. Un Giovanni Calabrese che ieri avrà esultato come se fosse stato lui a tagliare il traguardo per primo, così come del resto ha fatto il presidente della Federazione Giuseppe Abbagnale, mai visto così felice ed emozionato.

C'è spazio anche per i ricordi, per gli aneddoti. Mamma Isabella ci tiene a raccontare il giorno in cui Federica, rimasta a casa da sola col nonno, stava giocando con lo skateboard fuori casa, lungo la discesa che porta alla riva del lago. Cadde dalla tavola e ruzzolò finché non finì in acqua: il nonno fu costretto a tuffarsi per riprenderla, perché lei non voleva chiedere aiuto e voleva recuperare il suo gioco. Tornata a casa, bagnata e infreddolita, si cambiò e ritornò a giocare... Senza battere ciglio...

Dite che si vedeva già la tempra di una campionessa olimpica? Secondo noi sì.

Alessandro Galbiati

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU