Elezioni comune di Varese

 / Varese

Varese | 28 luglio 2021, 13:12

Workshop di murales per giovani: un invito alla sostenibilità attraverso l'arte

Varese sarà l'unica Provincia in Italia a partecipare al progetto internazionale che vedrà 20 ragazzi lavorare con famosi street artist nella realizzazione di due murales in città

Workshop di murales per giovani: un invito alla sostenibilità attraverso l'arte

Provincia di Varese e Istituto Oikos, in collaborazione con il Comune di Varese, offrono a venti ragazze e ragazzi tra i 15 e i 20 anni, sotto la guida di artisti affermati, la possibilità di ideare e realizzare un murales sulle pareti esterne della Sala Studi Forzinetti, in Piazza XX Settembre, ed una mostra su pannelli itinerante, che rimarrà a disposizione della collettività e di chi ne farà richiesta. Un secondo murales verrà realizzato dagli artisti sul parcheggio di Via Daverio, nei pressi della stazione ferroviaria di Casbeno.

Il tema delle opere è costituito dagli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Le attività si svolgeranno tra il 6 e il 24 di settembre e si concluderanno il 30 settembre con l’inaugurazione delle opere murali nell’ambito della conferenza internazionale del progetto “CULPEER4CHANGE”, mentre per partecipare al progetto è necessario iscriversi entro il 30 agosto, compilando l'apposita scheda di iscrizione online QUI

Gli artisti che guideranno i ragazzi nella realizzazione dei murales sono Luis Alejandro Vasquez Aliaga (in arte Tintin) della Fondazione Compa Teatro Trono dalla Bolivia, operante nel settore artistico e teatrale dagli anni ‘80, e l’artista italiano Fabrizio Sarti (in arte Seacreative) dell’associazione culturale WG-Art, fondata nel 2011 a Varese con la finalità di promuovere l’arte urbana e la creatività giovanile, guardando in particolare alle nuove forme di street art. 

Il progetto, attraverso azioni di comunicazione innovative come la pittura murale e le performance culturali promosse da gruppi di giovani artisti dal Sud del Mondo in tutte le città partner, si focalizza in particolare sui temi dei cambiamenti climatici, dei diritti dei bambini e delle migrazioni. L’iniziativa fa parte del progetto “CULPEER4CHANGE - Culture and Peer-Learning for Development Education”, di cui Provincia e Oikos sono partner insieme a enti e ONG di Austria, Bulgaria, Danimarca, Germania, Polonia e Slovenia, nonché ONG di Tanzania e Bolivia con cui il capofila Città di Colonia lavora da diversi anni. Il progetto, cofinanziato dall’Unione Europea, mira a contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030; promuovere gli approcci di apprendimento alla pari tra giovani (Cultural Peer Learning Concept) sui temi ed obiettivi dello sviluppo sostenibile come strategie innovative nell’educazione formale e informale; sostenere lo scambio di giovani dall'Europa e dal Sud del Mondo per coinvolgere attivamente le nuove generazioni sui temi dell’Agenda 2030.

«Da circa dieci anni - ricorda Simone Longhini, Consigliere provinciale – Provincia di Varese promuove l’educazione allo sviluppo sostenibile nelle scuole del territorio attraverso il programma Green School. Grazie a Culpeer i ragazzi delle Green School hanno avuto l’occasione di confrontarsi su tematiche globali, in particolare il cambiamento climatico, con artisti loro coetanei provenienti dal Sud del mondo, scoprendo nuovi linguaggi espressivi e superando le barriere linguistiche e culturali».

In ogni paese partner del progetto, inoltre, artisti locali ed internazionali lavoreranno insieme ai giovani grazie a due laboratori per realizzare un murales sul tema dello sviluppo sostenibile, un messaggio che rimarrà oltre la fine del progetto e inviterà la cittadinanza a riflettere ma soprattutto ad agire verso il cambiamento. 

«Lo spazio dell’aula studio è uno dei luoghi della città dedicati ai giovani - spiega Francesca Strazzi, Assessore alle Politiche Giovani e Partecipazione del Comune di Varese - fare in modo che siano proprio i ragazzi a realizzare qui un murales significa quindi dare la possibilità di ricreare e personalizzare uno spazio in cui sono gli stessi ragazzi gli artefici, valorizzando le capacità artistiche ed espressive. Si tratta inoltre di un momento formativo, grazie alla collaborazione con artisti a livello internazionale».

E continua l’Assessore all’Ambiente, Benessere e Sport, Dino De Simone: «La sensibilizzazione alle tematiche ambientali va condotta anche con iniziative innovative e trasversali come questa seguendo in tal modo il Gol 17 dell'Agenda 2030 incentrato proprio sulla partecipazione attiva di tutti come prerogativa per raggiungere gli obiettivi prefissati. Una progettualità che è in linea anche con quanto stiamo portando avanti in questi mesi attraverso la redazione del Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile e il Clima (PAESC)».

«La conferenza – conclude Simone Longhini – rivolta a insegnanti ed educatori e alle istituzioni del mondo scolastico, rappresenta un’importante occasione per richiamare l’attenzione sugli obiettivi di sviluppo sostenibile e far conoscere l’approccio culturale tra pari, anche attraverso le esperienze dei nostri partner europei. Ospiti d’eccezione saranno i giovani artisti del gruppo peruviano Arena y Esteras, che lavorerà con i ragazzi delle Green School e allieterà la conferenza con un’esibizione pubblica. Speriamo quindi che la situazione sanitaria ci consenta di svolgere in sicurezza questi eventi».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore