/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 19 luglio 2021, 10:36

Ex Mizar, prime inaugurazioni e 250 posti di lavoro

A Busto la prima apertura riguarda un supermercato mercoledì, quindi il centro sportivo e altre realtà. La proprietà Sitip: «Così abbiamo puntato sulla rinascita economica». Il sindaco: «Nuovo sviluppo per Beata Giuliana. Il palaginnastica qui vicino? Stiamo aspettando i privati»

Il sopralluogo di Comune e proprietà: il supermercato il primo al via

Il sopralluogo di Comune e proprietà: il supermercato il primo al via

Tre lotti e fiorisce già una prima inaugurazione, quella di un supermercato. La metamorfosi dell'area ex Mizar rappresenta per Busto Arsizio e Beata Giuliana in particolare prende corpo.

Gli automobilisti hanno potuto seguire gli sviluppi viabilistici, la nascita di rotatorie e dintorni. Mercoledì 21 apre l'U2 in corso Sempione. Quella che era un'azienda storica del territorio, che era chiusa ormai da almeno 15 anni, ora offre lavoro sotto un'altra forma: commercio e servizi. Ci ha sempre creduto la Sitip e la prova è che non ha mai lasciato abbandonato questo terreno: ha tenuto qui un custode, che ha permesso che non finisse come altre aree dismesse. E adesso, prove di rinascita, sottolineano Gian Battista Cortinovis (Cda Sitip) e Davide Porta (direttore amministrativo) nel sopralluogo con il Comune oggi. Manager di progetto, Marco Reguzzoni.

GUARDA IL VIDEO

Non è stato facile rispettare i tempi, in questo periodo di emergenza sanitaria a maggior ragione. Ma ci si è riusciti, sottolinea il direttore dei lavori, architetto Luca Macchi. In 60 giorni ha preso forma questo primo round e molto altro arriverà: da altri centri, come quello sportivo, e servizi fino al verde. Le imprese: Civelli, Guerini e Marchini piante.

Tre erano i lotti della convenzione urbanistica firmata da Comune e società lo scorso settembre: il primo riguarda la riqualificazione forestale, per 68mila euro. Il secondo, il controviale d'accesso parallelo al Sempione: 548mila euro. Il terzo, la rotatoria con via Cascina dei Poveri, 351mila euro. E la parte privata si è impegnata ad altro ancora, come la rotatoria con via San Gottardo (229mila euro) e il rifacimento del manto stradale tra via Minghetti e sempre San Gottardo (58mila euro).

Il sindaco Emanuele Antonelli riconosce la tempestività dei privati, ma ricorda anche la grande collaborazione e sottolinea: «Lavoro è la parola chiave. Qui c'è un nuovo sviluppo per Beata Giuliana». Non si può però non guardare dall'altra parte della strada, l'ex palaghiaccio e futuro palaginnastica: per ora, una speranza. Non c'entra l'ex area Mizar, è un'altra partita, ma potrebbe contribuire alla rinascita della zona. «Noi abbiamo fatto tutto ciò che dovevamo - afferma il sindaco - ora tocca ai privati».

GUARDA IL VIDEO

IL SOPRALLUOGO

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore