Elezioni comune di Varese

 / Gallarate

Gallarate | 16 luglio 2021, 10:06

Un ventenne di Gallarate ha mappato le cabine telefoniche d'Italia. Ora cerca il consenso della Tim

Si chiama Andrea Tempestini: da una curiosità personale ne è scaturito un vero e proprio sito che mostra la mappa di tutte le cabine telefoniche d’Italia. Per renderlo pubblico serve il benestare dell'azienda. Tra le idee anche un “tag bombing” per ottenere riscontro

Andrea Tempestini

Andrea Tempestini

Un servizio al cittadino nato per una curiosità e che ora, per essere fruibile, ha bisogno dell’aiuto di tutti. È questa, in sintesi, la storia raccontata da un giovane gallaratese che sta utilizzando i social per avere risposta da Tim.

«Ho realizzato un sito che mostra la mappa di tutte le cabine telefoniche d’Italia – spiega Andrea Tempestini – ma per poterlo rendere pubblico ho bisogno del benestare dell’azienda telefonica, ho provato a contattarla via Pec ma non ho avuto risposta, quindi ho pensato di utilizzare i social per vedere se riuscivo a raggiungerla in maniera più efficace».

Per cercare di avere un riscontro il ventunenne di Gallarate ha postato un video su YouTube, ha creato un post sul social news Reddit ed ha condiviso sulla pagina Instagram, invitando chiunque trovasse utile l’idea a taggare Tim Spa nei commenti, per avere una risposta alla sua richiesta.

Ma cosa chiede, in sintesi, il giovane all’azienda telefonica? Per capirlo è necessario fare un passo indietro e raccontare come sia nato il progetto di Andrea e quale sia il suo scopo.

«Qualche tempo fa stavo passeggiando per le vie di Gallarate e ho visto una cabina telefonica – spiega Andrea Tempestini – dopo averla osservata meglio mi sono chiesto quante ve ne fossero ancora sul territorio e una volta arrivato a casa ho fatto una veloce ricerca per appagare questa mia curiosità. Sono approdato sul sito di Tim e ho trovato un file contente l’elenco di tutte le cabine telefoniche della regione».

Si trattava, però, di un file pdf di 72 pagine. Una tabella di non semplice consultazione, da qui l’idea di tradurre questi dati in un formato maggiormente fruibile.

«Bisognava cercare la città - racconta Andrea - andarsi a copiare tutte le vie su Google Maps per capire dove fossero e quale fosse la più vicina; una modalità di ricerca non certo velocissima. Quindi mi è venuta l’idea di mappare le vie di Gallarate per darmi un'idea visiva di dove si trovassero le cabine e di come fossero distribuite».

Da questo primo esperimento, svolto manualmente, con il passare del tempo si è evoluto un progetto più ampio. Attraverso l’utilizzo di diversi strumenti e linguaggi informatici ha portato alla realizzazione di un sito che al suo interno contiene la mappatura di tutte le cabine telefoniche situate sul suolo italiano. Per farlo, però, è stato necessario utilizzare come base gli elenchi forniti dall’azienda telefonica, che non possono essere ridistribuiti senza il suo permesso.

«Il sito è pronto - prosegue il giovane gallaratese – ma non posso renderlo pubblico senza l’esplicito consenso dell’azienda.

Ho provato a mandare loro una PEC, ma non mi hanno risposto, quindi ho pensato di caricare un video su YouTube dove racconto questa storia e ho pubblicato un post su Instagram.

L'idea è di taggare in massa il profilo di Tim, un tag-bombing vero e proprio, per cercare di ottenere una risposta. Che sia un consenso scritto o una semplice presa visione di quanto proposto, in modo tale che possano scegliere se implementare qualcosa di simile».

Un lavoro, quello del ventunenne di Gallarate, che se reso pubblico potrebbe rappresentare un vero e proprio servizio per tutti: «Questo sito – conclude Andrea Tempestini – ha un duplice scopo. Da una parte può servire ad appagare la curiosità di chi, come me, si è chiesto dove siano situate le postazioni telefoniche pubbliche nella sua città, dall’altra può rappresentare una vera e propria risorsa per chi si trova in difficoltà. Dalle cabine telefoniche, infatti, è possibile effettuare gratuitamente le chiamate d’emergenza, e ogni anno sono molti coloro che le utilizzano per questo scopo».

Loretta Girola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore