Altri sport - 07 giugno 2021, 16:20

Adrenalina e passione: Mauro Miele ancora straordinario nel mondiale rally

Il pilota olgiatese supera indenne un cappottamento nella penultima speciale e si piazza al diciannovesimo posto assoluto nella tappa italiana, in Sardegna, del Wrc. Un'altra gemma che si aggiunge alla collana di successi del veterano mai domo dei rally mondiali

Mauro Miele con Luca Beltrame ha chiuso al 19° posto il rally di Sardegna, tappa italiana del mondiale

Mauro Miele con Luca Beltrame ha chiuso al 19° posto il rally di Sardegna, tappa italiana del mondiale

Non si è fatto mancare nulla l'olgiatese Mauro Miele nella tappa italiana, in Sardegna, del Mondiale Rally. Un gran piazzamento, innanzitutto, diciannovesimo assoluto e secondo tra gli equipaggi italiani, con il fidato navigatore Luca Beltrame. «Poteva andare anche meglio – ci racconta il veterano dei rally mondiali, portacolori del team DreamOne Racing, Mauro Miele – se solo non fossimo incappati in un “cappottone” al termine della penultima speciale».

Un vero e proprio 360° che ha danneggiato il parabrezza della Skoda Fabia Rally2, ma non la voglia di finire la gara sulle strade della Sardegna, sempre insidiose tra sassi e sterrati, e con l'imprevisto in agguato (vedi le cinque forature in quattro giorni che hanno reso ancora più straordinaria la corsa del pilota olgiatese, bustocco di nascita). «Quasi quasi – dice – ho fatto più il meccanico del pilota in questo fine settimana».

Oltre alla macchina, anche il fisico di Miele e Beltrame ha retto l'urto. La verve e l'adrenalina della competizione hanno fatto il resto.

«Abbiamo affrontano l'ultima speciale con il parabrezza tenuto insieme dal nastro adesivo – prosegue Mauro Miele, orgoglioso e felice della nuova gara che ha condotto in porto nel Wrc, con una vettura “privata” – Ma ce l'abbiamo fatta. Possiamo dire che è stata un'impresa, in tutti i sensi, terminare la corsa in queste condizioni e con un piazzamento di tutto rispetto».

Miele ha nel mirino gli appuntamenti autunnali del Mondiale Rally. «Pensiamo di fare la Grecia o la Spagna» anticipa. Nel mentre, il veterano olgiatese si concederà una tappa della International Rally Cup, il 3-4 luglio nel Casentino, dov'è impegnato anche il figlio Simone (LEGGI QUI). Ma nulla più. «Ci riposiamo un po' in estate e ricarichiamo le “pile”. Altrimenti non diventa più un divertimento, ma un “lavoro”. E questo non è il nostro spirito». Anche se le imprese, straordinarie a dir poco, sono sempre all'ordine del giorno per un pilota che, alla “sua veneranda età” (sorride al telefono quando glielo facciamo notare, nda), aggiunge una gemma dopo l'altra alla sua collana di successi.

Alessio Murace

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU