/ Storie

Storie | 22 maggio 2021, 17:34

Pro Patria e Antoniana creano i Tigrotti del futuro

Con l'accordo di collaborazione sportiva i giocatori giallorossi più meritevoli andranno a far parte del mondo calcistico biancoblù. Attenzione anche ai valori e allo studio. Cosentino: «Chance di crescita ai ragazzi». Testa: «I miei giocatori uomini che devono saper affrontare la vita, esempi»

La presentazione della collaborazione sportiva tra Pro Patria e Antoniana

La presentazione della collaborazione sportiva tra Pro Patria e Antoniana

I migliori talenti, i ragazzi ai quale dare una chance perché lo meritano sul campo e nella vita. Antoniana e Pro Patria lanciano così il nuovo progetto ribattezzato "Tigrotti del futuro". 

Non una fusione, ma una consapevolezza di essere vicini, non solo fisicamente, visto che lo stadio Speroni a Busto e il campo dei giallorossi sono contigui, e di poterlo essere ancora di più. C'è un'affinità elettiva, un programma costruito negli anni, persino uno sponsor comune di quelli che in quei valori hanno creduto (l'istituto San Carlo). 

È tutto così naturale, ma ora prende forma. Sì, proprio ora che lo sport ha vissuto un tempo così delicato, ma proprio questa è la lezione. Viene spiegato dal dg Giuseppe Abenante prima di tutto l'accordo, una collaborazione sportiva: «La Pro ci dà una grande occasione di crescita. I giocatori più meritevoli dell'Antoniana che saranno in grado di distinguersi a livello potranno andare a far parte del mondo calcistico della Pro, previa valutazione dei tecnici». 

GUARDA IL VIDEO

Un accordo, ha ribadito Francesco Cosentino, nell'ottica della crescita dei ragazzi. È emozionato, il presidente, e trasmette la felicità di tutti, perché il consiglio direttivo e i responsabili dello scouting hanno voluto essere presenti in questo giorno storico.

GUARDA IL VIDEO

Un elemento comune dei presidenti è prima di tutto la passione, ha osservato Patrizia Testa. Che ha precisato: «Emblema di questo accordo è la crescita dei ragazzi che appartengono all'Antoniana, monitorati dai nostri tecnici». 

E la presidente della Pro Patria ha mandato il suo messaggio di valori più forte che mai: «I miei calciatori sono uomini che devono saper affrontare la vita, esempi. Il calcio è competizione, non guerra. E ci dev'essere anche un comportamento idoneo delle famiglie».

GUARDA IL VIDEO

I ragazzi - dal 2008 - avranno opportunità per il loro talento, e a parità tecnica per comportamento. Anche lo studio - preziosissimo per la Pro Patria, come è noto - è un cardine dell'Antoniana.

Infine, un altro legame è lo sponsor, l'Istituto San Carlo per cui ha parlato l'amministratore delegato Sara Tosi. Che ha creduto in questo sport bustocco, capace di parlare il linguaggio dei valori senza tentennamenti.

GUARDA IL VIDEO

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore