/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 17 maggio 2021, 11:19

I bambini del doposcuola dei Frati mandano disegni all'ospedale: «Date una carezza ai malati di Covid»

A Busto la parrocchia del Sacro Cuore diffonde sui social i pensieri dei ragazzi nell'emergenza. C'è il grazie a infermieri e dottori di Legnano: «Siete la casa della vita». E il personale medico ha risposto esponendo le opere

Alcuni dei disegni esposti all'ospedale di Legnano

Alcuni dei disegni esposti all'ospedale di Legnano

Pensieri e disegni che portano gratitudine e speranza: sono quelli realizzati dai ragazzini che frequentano il doposcuola della parrocchia del Sacro Cuore, a Busto Arsizio. Consegnati agli infermieri e ai dottori dell'ospedale di Legnano.

A diffondere queste commoventi opere sui social sono stati gli stessi Frati: «I bambini del nostro doposcuola hanno mandato i loro pensieri e i loro disegni di ringraziamento al reparto "Medicina A Covid" dell'ospedale di Legnano, uno dei primi reparti ad essere aperti lo scorso anno e ancora tutt'oggi attivo».

Di fronte a questo dono, il personale sanitario ha voluto ringraziare esponendo in reparto i disegni.

«Siamo vicini con tutto il nostro affetto, con il pensiero e con la preghiera a tutto il personale medico, paramedico ed infermieristico di questo ospedale e a quelli di tutto il mondo, perché come ha scritto un bambino, "Non ci donano solo le cure, ma il loro cuore" - ha osservato la parrocchia - Grazie di cuore a tutti , perché come diceva P. Adams: " Quando si cura una malattia si può vincere o si può perdere, ma quando si cura una persona si vince sempre, al di là del risultato».

Tra i messaggi più emozionanti, «date una carezza ai malati» oppure «grazie a voi l'ospedale è diventato la casa della vita». Con una promessa, che vede al centro un superdottore: «Con l'amore e rispettando le regole sconfiggeremo il virus».

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore