/ Calcio

Calcio | 16 maggio 2021, 18:42

Ezio Rossi: «Abbiamo finito con 6 attaccanti, il Signore stavolta ha guardato giù»

Il tecnico del Varese: «Tifosi splendidi nel sostenerci. A fine tempo ho stimolato i giocatori chiedendo loro se non erano stufi di perdere facendo la figura dei c......i, cioè facendo la partita e sputando sangue. Tutti qui buttano il cuore oltre l'ostacolo»

Ezio Rossi pazzo di gioia in tribuna al pari di Ebagua

Ezio Rossi pazzo di gioia in tribuna al pari di Ebagua

«È un piacere sentire i tifosi e rivederli da dove si erano appostati per sostenerci - dice Ezio Rossi dopo il pareggio conquistato al 95' a Gozzano grazie alla punizione di Ebagua (clicca QUI per la cronaca, QUI il commento e QUI le pagelle). Per noi rappresentano la carica decisiva e sono convinto che in casa non avremmo fatto così pochi punti se li avessimo avuti allo stadio. Nessuna piazza può vantare i tifosi del Varese. Nessuno ha il 12° uomo come noi, e anche oggi o quando ci hanno sostenuto fuori dai distinti, si sono visti i risultati». 

«Finalmente non siamo stati beffati - prosegue il tecnico - È un pareggio che ci sta stretto perché meritavamo ancora di più: loro potevano chiuderla in contropiede ma avevamo schierato sei attaccanti ed è la prima volta in carriera succede. D'altro canto, ci erano rimaste solo punte... Avessimo pareggiato prima, in particolare con Otelè, sarebbe potuta finire in maniera ancora diversa. Purtroppo subiamo gol alla prima occasione e alla prima ingenuità, come quella che ci ha fatto perdere la palla al limite della loro area da cui poi è nato l'1-0».

«Non abbiamo mollato e abbiamo continuato a macinare gioco - dice ancora l'allenatore del Varese - anche se loro hanno messo il pullman davanti all'area: era dura passare ma alla fine il Signore ha guardato giù. Sarebbe stata una beffa non portare a casa un punto».

«Dellavedova ha preso la punizione decisiva, tutti quelli che sono entrati hanno buttato il cuore oltre l'ostacolo, da Gazo che ha giocato 80 minuti rientrando dall'operazione a Balla e Giulio che avevano avuto problemi in settimana. Eravamo in pochi, c'era bisogno di tutti. E tutti quelli che avevo li ho gettati in campo. Punto importante per il morale ma finisce qui - smorza gli entusiasmi Rossi - domenica abbiamo una partita che vale doppio con il Borgosesia perché loro si giocano l'ultima spiaggia. Dobbiamo rimanere concentrati e determinati». 

«Nel secondo tempo ho stimolato i giocatori - chiude il tecnico - chiedendo loro se non erano stufi di perdere facendo la figura dei c......i, cioè facendo la partita, sputando sangue e perdendo per un'ennesima ingenuità. Per esempio Disabato sul rigore non assegnato è stato "ingenuo", nel senso di troppo buono o poco scafato. Ogni volta che non lo siamo, poi becchiamo gol».

A.C.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore