/ Varese

Varese | 09 maggio 2021, 07:58

VIDEO. Target, persone e aziende che contano in provincia di Varese: Mobilificio Mornata. «Ci piace suscitare emozioni»

L'ospite della seconda puntata del nuovo appuntamento domenicale che dà spazio a volti e marchi che esaltano il nostro territorio è Marco Mornata. Tutto nasce da quattro fratelli nei primi decenni del Novecento: «Da garzoni di bottega fino a imprenditori. Mettiamo al centro il rapporto umano con i visitatori»

VIDEO. Target, persone e aziende che contano in provincia di Varese: Mobilificio Mornata. «Ci piace suscitare emozioni»

Come ogni domenica, proseguiamo il nostro viaggio tra le persone e le aziende che contano in provincia di Varese: una vetrina per chi non sempre viene valorizzato come merita e porta in alto il nome della nostra terra con la sua attività. 

Dopo la prima puntata dedicata a Paolo Ambrosetti e alla sua storia Valigeria (clicca QUI), apriamo le porte di un altro esercizio conosciuto ben oltre Varese e la Lombardia: il Mobilificio Mornata di viale Borri.

Questa è una storia che affonda le sue radici nel passato e che si è tramandata in famiglia da generazione a generazione. Tutto nasce dai quattro fratelli Mornata nei primi decenni del Novecento: «Iniziarono la loro esperienza da garzoni nelle botteghe della Brianza - ci racconta Marco Mornata, intervistato da Elena Zoja - Nel nostro lavoro conta molto il rapporto umano che noi cerchiamo di tenere con quello che prima di essere un cliente, è un visitatore. Questo fa nascere un rapporto di continuità».

«Il nostro traguardo - continua Mornata - non è solo quello di affiancare il cliente durante la fase di progettazione e installazione, ma di continuare a seguirlo dopo la vendita. La cosa più bella? Leggere la sua emozione quando vede il prodotto finito». 

L'intervista di Elena Zoja a Marco Mornata.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore