/ Calcio

Calcio | 07 maggio 2021, 19:14

Infinito Castori: l'allenatore con l'anima a un passo dalla serie A dopo aver travolto tutti. Covid compreso

Il tecnico operaio che al Varese si fece amare del pubblico e dagli uomini veri è a un passo dal trionfo forse più incredibile: se vincerà l'ultima gara con il Pescara, riporterà la Salernitana in serie A dopo 23 anni. Chi ama il calcio pane e salame dove vincono le persone prima dei calciatori, glielo augura di cuore

Infinito Castori: l'allenatore con l'anima a un passo dalla serie A dopo aver travolto tutti. Covid compreso

Intramontabile e infinito Fabrizio Castori: l'allenatore con l'anima è a una sola vittoria dalla decima promozione in carriera, forse la più incredibile, che riporterebbe la Salernitana in serie B dopo 23 anni. Neppure il Covid l'ha tenuto davvero lontano dalla panchina numero 500 in serie B («Ci vuole ben altro per abbattermi»), su cui anche oggi non si è potuto sedere per guidare i suoi al successo sull'Empoli (2-0), ma dell'anima di Castori risplende tutta Salerno. 

Per l'apoteosi, Castori dovrà battere in trasferta all'ultima giornata - lunedì alle ore 14 - il Pescara retrocesso in B proprio oggi per conservare il +2 sul Monza (3-0 a Cosenza dopo l'ingresso di Balotelli, autore di un assist e un gol), che invece riceverà il Brescia. 

Riuscisse anche in quest'impresa, il "lupo" inafferrabile di San Severino Marche conquisterebbe a 66 anni molto più che la serie A, dopo essere già l'unico allenatore italiano ad avere scalato tutti i campionati, partendo dalla terza categoria (dall'ultimo gradino al primo, sembra il titolo della sua vita).

Conquisterebbe ciò che "sfiorò" già a Varese nel marzo 2013
, in una delle scene più belle mai vissute quando, dopo un epico pareggio a Vicenza all'ultimo secondo (Pucino-gol) dei suoi biancorossi quinti in classifica, si salvò una prima volta da un vergognoso e inutile esonero (arrivato poi, in seguito a una piccola congiura che ovviamente costò l'accesso ai playoff) solo grazie ai tifosi e a chi gli era entrato nel cuore, ricambiato. Quel giorno allo stadio Menti, dopo la rete di Pucino, il tecnico corse come un bambino impazzito di gioia a tutto campo, modello Mazzone, arrivando fin sotto la curva biancorossa, dove le sue mani (il suo corpo, il suo trasporto, il suo spirito) oltrepassarono le grate per fondersi nel cuore della gente. 

Conquisterebbe un risultato che arriva solo dalla sua capacità unica di annullarsi totalmente con l'anima della maglia che indossa, dalla sua vocazione all'impossibile, da un modo antico e selvaggio, "operaio" e "povero" di vivere il calcio dove si scende ancora nell'arena e vince l'uomo, prima del calciatore, o l'ultimo dei mohicani.

«Il Covid ti costringe all’isolamento, ma io non mi sento solo. Mi auguro che il virus abbia capito di non potersi misurare con questo gruppo e se la sia presa solo con me. Ci vedremo presto. Ed insieme, ne sono certo, vivremo altre emozioni, quelle che solo il calcio sa regalare» ha scritto Castori in una lettera da brividi quando mancavano quattro partite alla fine.

Ora, come nel più grande dei giochi del destino, potrà tornare probabilmente a bordo campo proprio lunedì, nell'ennesimo atto di una carriera romanzesca in cui si è preso sempre tutto nel momento in cui gli altri pensavano di averlo battuto, sempre sul fischio finale, con quel suo proverbiale scatto ferino. Anche stavolta potrebbe andare così, visto che è stata la vittoria su rigore al 95' contro il Pordenone a lanciare la Salernitana al secondo posto.

«Macte animo!» ha scritto in latino Castori in calce alla lettera rivolta a squadra e città: «Coraggio!»

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore