/ Calcio

Calcio | 30 aprile 2021, 07:00

Stadio Aperto, Masetti: «La Pro mi ha svoltato la stagione e do tutto per ripagare la fiducia»

L'esterno sinistro, autore del gol decisivo la scorsa domenica, ci ha raccontato la felicità di essere tigrotto: «I miei compagni, bravi ragazzi e bravi calciatori. Speriamo di arrivare più in là possibile perché ce lo meritiamo». Lorenzo Pisani (100 anni di Pro): «Che sofferenza vedere alla tv, questa squadra merita tutto il nostro appoggio». Il ricordo di Merlino nell'anniversario della scomparsa, tra commozione e aneddoti

Andrea Masetti con Lorenzo Pisani e Marilena Lualdi e sotto altri momenti di Stadio Aperto

Andrea Masetti con Lorenzo Pisani e Marilena Lualdi e sotto altri momenti di Stadio Aperto

Felicità è giocare alla Pro Patria, essere tornato qui tra «bravi ragazzi e bravi calciatori» e fare di tutto per ripagare questa fiducia. Del resto, Andrea Masetti ha subito cercato di dare il massimo, dal suo ritorno lo scorso marzo. 

«Mi ha svoltato la stagione e l'anno calcistico, la Pro  - ha detto giovedì 29 aprile a Stadio Aperto il tigrotto - Conoscevo la società, i miei compagni dell'anno prima e chi è entrato ha migliorato». Gli occhi di Andrea Masetti brillano: il gol di settimana scorsa contro il Livorno (e anche un po' suo è il primo, perché ha conquistato lui il rigore per Kolaj LEGGI QUI) ha un significato importante, non solo perché ha evitato una sconfitta che non sarebbe andata giù ai tigrotti. 

«Provo a ripagare la fiducia che mi hanno dato, offrendo sempre il massimo» spiega. E quel gol è proprio un modo di ripagare. Stadio Aperto è l'incontro con i tifosi, quell'incontro così arduo quest'anno con l'emergenza sanitaria. Lorenzo Pisani, presente per l'associazione 100 anni di Pro e l'iniziativa della maglia dei playoff lanciata dalla Pro Patria, scuote il capo: «Sì, ho visto il gol e la partita alla tv, ma vedere è una parola grossa... Questo è un anno incredibile, il rammarico più grosso per tutti noi è non essere a fianco dei questa squadra».

IL GOL DI MASETTI

 

DISTANTI, CHE SOFFERENZA

Inizia presto, Andrea, con i Pulcini del Parma, è ancora un ragazzino quando la mamma lo vede prendere il pullman e affrontare un'ora di viaggio per andare ad allenarsi a giocare. Studia diligentemente, questa è una cosa per cui la famiglia è soddisfatta e farà bene anche in casa Pro. Dall'Emilia Romagna alla Toscana, Andrea - classe 1998 - cresce. Ma qui a Busto Arsizio scopre un mondo che lo attende.

Un mondo fatto di legami storici tra tifosi e giocatori, di figure pazzesche come Merlino, Carlo Merlo ricordato da Pisani e da Luca Cirigliano.

RICORDANDO MERLINO

ANCORA MERLINO 

Di sostenitori appassionati come Daniele De Grandis, che sprona Masetti. 

FORZA ANDREA

E altro, molto altro ancora vibra a Stadio Aperto. Compresa, anzi a partire dalla necessità di stare vicino a questa Pro Patria. Perché diversi dei calciatori del passato hanno dovuto affrontare periodi turbolenti: qui c'è una società seria, un patrimonio di cui la città deve rendersi conto. I giocatori, già l'hanno fatto: lo dice la felicità, raccontata da un ragazzo perbene come Andrea Masetti. Che intanto assicura: «Speriamo di arrivare più in là possibile perché ce lo meritiamo, come coronamento di una grande stagione».

GUARDA TUTTA LA PUNTATA

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore