/ Altri sport

Altri sport | 13 aprile 2021, 13:06

FOTO Rallye Sanremo 2021: podio per un «molto soddisfatto» Crugnola. De Tommaso è 9°: «Un po' sconfortato, ma già pronto a ripartire»

Il 31enne campione italiano in carica e il 25enne vincitore del Rally dei Laghi 2021 erano i varesini al via della 68esima edizione della tappa ligure. Una gara contro sé stessi, il tempo e un clima che ha reso ancora più difficile un percorso già lungo e complesso. Ora spazio alle altre tappe del Campionato Italiano, a partire dalla Targa Florio in Sicilia

FOTO Rallye Sanremo 2021: podio per un «molto soddisfatto» Crugnola. De Tommaso è 9°: «Un po' sconfortato, ma già pronto a ripartire»

Andrea Crugnola e Damiano De Tommaso. Due nomi noti nel mondo del rally italiano, campione in carica l’uno, vincitore del Laghi 2021 l’altro, hanno portato un tocco varesino alla 68° edizione del Rallye Sanremo, seconda tappa del CIR (Campionato Italiano Rally) che ha animato la città ligure sabato 11 e domenica 12 aprile.

Una gara in cui il 31enne Crugnola, a bordo della Hyundai i20 R5, gestita da Friulmotor, affiancato dal navigatore e amico Pietro Elia Ometto, e il 25enne De Tommaso, insieme a Massimo Bizzocchi con una Citroen C3 R5, di Meteco Team, hanno corso contro il cronometro e contro il clima, alla ricerca anche di un riscatto dopo la “poco fortunata” esperienza del mese scorso al Rally del Ciocco e Valle del Serchio.

Otto prove speciali, per un totale di 90,93 chilometri tra i “monti” dell’entroterra ligure, attendevano gli oltre 160 partecipanti (108 quelli arrivati alla fine del Rallye) che, fin dalla prima, al Baiardo, hanno dovuto confrontarsi con nuvole, umidità e, a tratti, pioggia, condizioni che li hanno obbligati spesso e volentieri a scegliere le gomme più adatte all’ultimo momento. «Siamo sul mare, ma il meteo non è dei migliori!», commentava Crugnola, il quale sabato aveva nel baule gomme diverse rispetto a quelle montate, nel caso fosse necessario incrociarle e trovare una soluzione che gli consentisse di affrontare la prova nel migliore dei modi.

Da regolamento, è possibile, infatti, uscire dal parco auto con un certo tipo di gomme (da asciutto, umido o bagnato) tenerne una o due nel baule di scorta da cambiare secondo necessità, montandone una davanti e una dietro, incrociandole, appunto.

In realtà, «le scelte sono state sempre azzeccate - commenta il 31enne - abbiamo sempre tenuto la mescola intermedia e nell’ultimo giro, quando la strada era più asciutta, siamo riusciti ad andare un po' più forte».

Certo, vivere questa esperienza per l’ottava volta è un vantaggio, così come il feeling con la macchina, «buono già prima di partire, abbiamo lavorato bene».

Un po' di fatica iniziale, invece, per De Tommaso, anche a causa dei vetri appannati, nel primo giro di prove di domenica mattina, con una discreta ripresa solo nella terza tratta.

Anche il secondo giro di prove sembrava essere iniziato bene, «abbiamo scelto di montare le gomme da umido, come gli altri, quando siamo partiti stavamo andando molto meglio rispetto al nostro passo nel giro precedente, ma poi abbiamo trovato la pioggia, questo ha rallentato il ritmo fino a quando abbiamo commesso l’errore di incrociarle». Purtroppo, la scelta delle gomme da bagnato per l’ultima prova si è rivelata fatale, «ma se avesse iniziato a piovere avremmo potuto prendere qualche posizione in più».

Incerto fino all’ultimo il risultato della gara, almeno per Crugnola che, coerente con la posizione mantenuta durante le prove, conquista il secondo posto, «un risultato di cui sono molto soddisfatto, anche contando che Sanremo è una gara in cui non sono mai andato bene». Nono, invece, De Tommaso, consapevole di aver pagato l’inesperienza e di aver commesso alcuni errori che «messi insieme, hanno portato a un brutto risultato. Non siamo mai stati veloci, cercheremo di riprenderci per la prossima gara, ci sono ancora tante occasioni per recuperare», commenta con una lieve, ma sensibile, nota di speranza.

Per Andrea e Damiano, infatti, è già il momento di pensare alle prossime gare. Entrambi si incontreranno di nuovo in Sicilia, il 7 e l’8 maggio, per correre al Targa Florio, la prossima tappa del Campionato Italiano Rally – poi San Marino, Roma, Brescia, Verona e Livorno

Coraggio ragazzi, la strada è lunga, ma siamo certi che riuscirete a superare ogni sfida.

Giulia Nicora

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore