/ Hockey

Hockey | 03 aprile 2021, 22:51

MASTINI, GRAZIE LO STESSO: PRIMA O POI ANCHE I SUPEREROI TORNANO UMANI

Varese eliminato e Merano in finale (5-1) ma poco importa: ci siamo divertiti quando i gialloneri erano supereroi, ma li ringraziamo soprattutto ora che sono rimasti esattamente ciò che sono, ragazzi normali che vivono la vita di tutti i giorni tra casa, lavoro e pista. Tre dediche finali e un grazie a Torchio e Longhi: ci avete stupito, saprete rifarlo?

In alto le stecche e la testa, Mastini (Foto Alessandro Galbiati)

In alto le stecche e la testa, Mastini (Foto Alessandro Galbiati)

Quando finisci un libro, terminano le parole. E il libro della stagione giallonera era concluso prima dell'ingaggio iniziale: tutte le parole erano già state usate, non c'era più nulla da dire o da fare. E' stato comunque bellissimo: nessuno si sarebbe immaginato lo scorso agosto di arrivare a un passo dalla bella con le Aquile per giocarsi l'accesso in finale, quelle Aquile più forti di un Varese con meno talento rispetto a quello della scorsa stagione, anche se è stato più squadra nelle difficoltà. Non è bastato, o meglio è bastato per arrivare fin qui, a perdere la prima partita in casa dopo 12 vittorie consecutive (di cui 2 con il Merano) dopo l'unico iniziale ko contro il Bressanone all'Agorà. È bastato per conquistare tifosi ma anche sponsor (vedi il marchio di Lo Pinto sulle maglie per i playoff. Stasera era presente anche Diego Sampaoli, che avrebbe potuto festeggiare il compleanno in famiglia ma invece l'ha fatto con la famiglia giallonera): chi s'avvicina ai Mastini resta folgorato e coinvolto, questa è la vera forza di questo club, che nessun altro nell'hockey, e non solo nell'hockey, in questo momento possiede. Qui ci sono passione, fame, calore, fedeltà, e - anche se non lo vedi ma lo senti - c'è anche un grande pubblico.

Tre gol incassati nei primi 6'28", praticamente uno ad ogni tiro subito, prima degli altri due (uno per tempo) e della zampata dell'ultimo Mastino ad arrendersi e cioè il primo, Edoardo Raimondi: così il Varese perde prima di giocare, come se i fili della testa o i muscoli delle gambe fossero ormai staccati, usurati, bruciati da una stagione oltre ogni immaginazione, come se Flash avesse perso la sua velocità all'improvviso e fosse tornato un ragazzo normale. Ma proprio per questa normalità, di fronte a una squadra di marziani, per questo essere giocatori-lavoratori di fronte a tanti che fanno dell'hockey un mestiere, abbiamo amato i Mastini. E li applaudiamo: ci siamo divertiti quando erano supereroi, ma li ringraziamo soprattutto ora che sono rimasti esattamente ciò che sono, ragazzi che vivono la vita di tutti i giorni tra casa, lavoro e pista.

Non basta che Kobler prenda a pugni Drolet a metà del primo tempo, con il canadese del Varese steso sul ghiaccio e con i giocatori del Merano che incitano il compagno picchiando i bastoni sulla balaustra (potevano risparmiarselo): non è abbastanza nemmeno subire i cazzotti, quando sei svuotato di tutto. E quel tutto lo hai versato sul ghiaccio per il Varese in una stagione che è sembrata una maratona a piedi nudi su una lingua di fuoco. 

Tre dediche finali: una è per Max Airoldi, oggi assente. E' la voce dei Mastini, quella che ci ha regalato emozioni alla radio anche quando la squadra perdeva o soffriva, oppure era piccola, varesina e orgogliosa e muoveva i primi passi per tornare grande. Quando nessun altro ci avrebbe creduto, lui l'ha fatto, "costringendo" tanti a seguirlo. L'altra dedica è per chi non si vede, e quindi i tifosi, ma si è fatto sentire anche in questo vuoto: e, tra di loro, è soprattutto per chi ha sofferto e perso perfino il suo posto di lavoro come Luisella e Paolo del Madera Pub, ma non ha mai tradito l'amore per i Mastini. L'ultima è  personale, ma anche pubblica, e la motivazione è un po' la stessa delle prime due: ci sono stagioni che vivono, e restano, nelle fotografie. E noi ricorderemo questi Mastini nelle immagini di Alessandro Galbiati.

Resta da chiedersi, con calma, cosa accadrà il prossimo anno in cui il Varese non avrà ancora la pista per i lavori al Palalbani: sarà possibile reggere per la seconda stagione consecutiva grazie al sacrificio economico di pochi, inventandosi sempre un'alchimia e una strada nuove, senza entrate, senza casa, senza tornei, senza vivaio? Ai posteri, ma soprattutto a Torchio e Longhi, l'ardua risposta. Quest'anno ci hanno stupito: sapranno o potranno ripetersi?

Varese-Merano 1-5 (0-3, 0-1, 1-1)
Reti: 
1'20" Juscak 0-1, 3'44" Platzer 0-2, 6'28" Thaler 0-3; 32'55" V.P.Ahlstroem 0-4; 43'01" O.E.Ahlstroem 0-5 in sup., 48'07" Raimondi (V) in doppia sup.
Arbitri: Luca Cassol, Willy Vinicio Volcan (Fabrizio De Toni, Giulio Soia)
Note - Tiri: Va 29, Mer 27. Penalità: Va 10', Mer 12'.

Semifinali, gara-4 
Varese-Merano 1-5. Merano in semifinale (3-1) dopo Merano-Varese 6-3, Varese-Merano 4-3 (rigori), Merano-Varese 4-1.
Caldaro-Unterland 4-6: serie sul 2-2 dopo Unterland-Caldaro 4-2, Caldaro-Unterland 2-1, Unterland-Caldaro 2-3 ai rigori.
Martedì 6 aprile, 20.30, gara-5: Unterland-Caldaro.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore