/ Calcio

Calcio | 02 aprile 2021, 13:29

La Pro a Lecco e i suoi messaggi forti. Con il mister che spiazza tutti: «Chi è cresciuto di più quest'anno? Le Noci»

Sabato alle 17.30 la trasferta che fa sentire l'aria di derby nonostante l'assenza del pubblico. Javorcic: «Molto bella da giocare, complicata, due squadre con percorsi simili». Turotti: «Adesso le grandi squadre ci propongono i giovani». La presidente Testa: «Fieri di rispettare le regole sempre»

Ivan Javorcic

Ivan Javorcic

«Una partita complicata, contro uno degli organici più completi del girone. Di non facile lettura, perché Lecco cambia spesso il sistema di gioco. Ma bella da giocare». Javorcic ritrae così la trasferta biancoblù di sabato 3 aprile alle 17.30. 

All'incontro con i media l'allenatore della Pro Patria pregusta questa gara, anche se ne vede l'unica, vera ferita: la mancanza del pubblico, un peccato davvero. La soddisfazione è poter contare su tutti i tigrotti, tranne Ghioldi, in questa fase del campionato. (CLICCA QUI).  Domani squalificati lo stesso Javorcic e Latte Lath.

Intanto, ascoltando il mister e i vertici della società si raccolgono messaggi forti. Sui giovani, su come si cresce e come si guadagna il rispetto. Lo stile Pro Patria.

La sfida e il tigrotto più cresciuto

Una rivalità vibrante, due squadre con un percorso simile, tre punti di differenza ovvero un niente, tanto più in questa fase della stagione. Il Lecco ha giocato mercoledì, la Pro lunedì: importa? E inciderà poi lo spostamento del calendario (LEGGI QUI) nell'allentare la pressione sulla squadra. 

«Questa partita è un po' a sé - osserva Javorcic - In futuro, poter preparare in una settimana tipo, non nei tre giorni, però cambia. Il caldo si fa sentire, così il dispendio delle energie. Speriamo di mantenere i giocatori in questa condizione psicofisica fino alla fine». 

Si torna a parlare della mentalità di questa squadra, di questo mix strepitoso di tanti giovani e pochi, inossidabili esperti. Di Ferri titolare, ma quando si chiede a Javorcic chi è il tigrotto cresciuto di più, il mister spiazza. Fermo restando che il campionato ha ancora cinque fondamentali giornate, decide di giocare un nome preciso: «Le Noci. Sì, può sembrare un paradosso, perché si può aspettare un giovane. Ma è uno di quelli che ha dovuto lavorare più su se stesso e ha fatto passi importanti». In campo e nello spogliatoio, un lavoro di qualità su se stesso è stato eseguito da Beppe e l'allenatore lo evidenzia.

Le regole e il rispetto

Uno dei messaggi forti che il Javorcic presenta. E non è l'unico. Perché poi intervengono per gli auguri e i saluti a tifosi la presidentessa Patrizia Testa e il direttore sportivo Sandro Turotti.

Si parla di un argomento scomodo, in tutto il mondo, e nel calcio a volte di più: le regole. Dai pochi ingressi consentiti alle società arrivando alla gestione dei club, quante ombre. Patrizia Testa è fiera di quello che dimostra la Pro Patria anche in questo: «Voglio sempre stare dalla parte di quelli che rispettano le regole e continuerò a farlo».

Il che non toglie che appunto fuori si veda tanto, troppo di sbagliato. La presidentessa - che è nel consiglio di Lega Pro -  crede che sia possibile cambiare le cose? «Lo spero vivamente - risponde - perché non si opera in condizione di parità». E aggiunge Turotti: «Le regole ci sono, non ne servono di nuove. Basta rispettare quelle che ci sono».

Proprio rispettando le regole, i valori, si ottiene il rispetto. Turotti ricorda l'impegno sui giovani e i primi frutti anche fuori: «È il quinto anno che sono qui ed è il primo in cui le società grosse e i procuratori mi chiamano già adesso per propormi qualche giovane. Hanno capito come si lavora a Busto. Merito del presidente e poi ai ragazzi diamo non una ma più possibilità di mettersi in evidenza. Alcuni nostri giocatori l'hanno dimostrato».

Sì, il rispetto è servito. «All'inizio avevo parlato con un procuratore e un giovane aveva chiesto: ma chi è "il" Pro Patria. Adesso, non succede più».

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore