/ 

| 26 marzo 2021, 17:34

Idee in Comune sull'ospedale unico di Busto e Gallarate: «Il Pd non pensa al futuro»

Da “Idee in Comune” arriva una replica al Partito Democratico sull'ospedale unico, dopo che lo stesso Pd l'aveva definito, nei giorni scorsi, «anacronistico». «Fuori dalla realtà è chi non riesce a pensare al futuro»

L'ospedale di Gallarate

L'ospedale di Gallarate

Da “Idee in Comune” arriva una replica al Partito Democratico sull'ospedale unico, dopo che lo stesso Pd l'aveva definito, nei giorni scorsi, «anacronistico» (leggi QUI).

«Fuori dalla realtà è chi non riesce a pensare al futuro. Il Pd di Busto Arsizio non ha perso una buona occasione di dimostrarci come la cattiva politica rende questo paese ingessato e a volte anche arretrato. Pensare al futuro leggendo il presente ci sembra un esercizio necessario per dare risposta ai bisogni della popolazione.

Pensare ad una nuova struttura sanitaria moderna ed efficiente non significa non pensare al presente e non serve a mascherare le carenze della medicina territoriale che è un altro argomento che ci sta molto a cuore.

Continuare a dire quello che non va bene, senza nessuna conoscenza tecnica e senza proporre alternative precise e realistiche, è uno sport che non ci interessa. Tanto meno ci interessa cambiare idea per poter fare delle pasticciate alleanze elettorali che abbiamo già verificato non possono funzionare.

Il nuovo ospedale – prosegue la nota di Idee in Comune - per noi continua ad essere una grande opportunità per il nostro territorio e non solo per ciò che riguarda la salute in senso stretto, ma quale opportunità di favorire anche un indotto ampio attraverso le svariate attività collaterali e satelliti della nuova struttura con notevole ricaduta occupazionale (Università, edilizia per studenti ed operatori, spinta al rinnovamento infrastrutturale, etc).

Pare quasi che i colleghi consiglieri del Pd abbiano dimenticato perché si sia iniziato molti anni fa ad immaginare un nuovo ospedale. Come non comprendere che, di fronte all’evoluzione continua ed inarrestabile delle competenze mediche, strutture datate, e non se ne vogliano gli amici di Gallarate, gli edifici dell’ospedale S. Antonio Abate sono particolarmente obsoleti, debbano essere completamente ridisegnate, come con intelligenza e lungimiranza hanno fatto le città di Legnano e Varese.

Forse che gli ospedali di Legnano e Varese fossero in procinto di crollare? Eppure ci hanno creduto, hanno raccolto la sfida e, malgrado le solite diffidenze iniziali, è ora sotto gli occhi di tutti il beneficio che i cittadini legnanesi e varesini stanno traendo da questi nuovi nosocomi. Era opportuno rinnovare solo l’ospedale di Gallarate? Evidentemente no per posizione, bacino di utenza...».

Come sottolineato dal sindaco Antonelli sulle nostre pagine (leggi QUI), anche “Idee in Comune” parla di «ospedale nuovo».

«Da questo è nata l’idea non di un ospedale unico, arida somma di posti letto e personale, ma di un nuovo grande ospedale capace di rilanciare l’eccellenza sanitaria presente nel nostro territorio.

O si comprende questo oppure continuiamo a traccheggiare, lasciando i nostri ospedali destinati alla decadenza con la progressiva migrazione di operatori sanitari e pazienti verso le strutture vicine.

Certo, ci vorrà qualche anno, ma è un destino segnato. Se una colpa c’è stata, è stata quella di non capire l’essenza di questo progetto, sospettando chissà quali retropensieri, con un ritardo che rischia di diventare ora irrecuperabile.

Busto e Gallarate meritano al pari di Varese e Legnano strutture che consentano ad utenti ed operatori di dare ed avere risposte sanitarie di alto livello. Almeno noi ci stiamo provando».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore