/ Varese

Varese | 18 marzo 2021, 09:41

LA LETTERA. «Il Sacro Monte è il luogo più bello della nostra città. Ma cosa è stato fatto per renderlo più accessibile?»

Luca Boldetti, consigliere comunale della lista Orrigoni, affronta il tema della valorizzazione del Sacro Monte w dell'accessibilità al Borgo: «Il Comune in questi anni non ha aumentato i parcheggi alla Prima Cappella e non ha implementato il trasporto pubblico. La funicolare non basta: servono idee per il rilancio quando la pandemia sarà finita»

LA LETTERA. «Il Sacro Monte è il luogo più bello della nostra città. Ma cosa è stato fatto per renderlo più accessibile?»

In questo intervento inviatoci in redazione Luca Boldetti, consigliere comunale della lista Orrigoni a Palazzo Estense, affronta il tema della valorizzazione del Sacro Monte in particolare dell'accessibilità al Borgo, da migliorare e sviluppare per rilanciare questo gioiello.

Il Sacro Monte è forse il luogo più bello della nostra città, un piccolo borgo con una vista magnifica e dei vicolini stupendi, ricco di bellissime attività commerciali e culturali e, soprattutto, con una vocazione turistica e religiosa molto importante per tutto il territorio provinciale e non solo. Nonostante questo, però, cosa ha fatto l’amministrazione comunale di Varese per renderlo ancora più attrattivo e, soprattutto, fruibile a cittadini e turisti?

Questa domanda, accompagnata da un velo di dispiacere, mi è sorta dopo gli ultimi weekend (passati in zona gialla e arancione), nei quali la cronaca ci ha raccontato di tante persone che hanno cercato un momento di svago, di riposo, di attività motoria o di preghiera al Sacro Monte, ma sono state fermate dalla chiusura delle strade di accesso, con conseguente danno anche per gli esercenti del borgo.

Non credo che sia accettabile una soluzione di questo genere, che va al di là della necessità (si spera ancora il più breve possibile) di evitare assembramenti. Perché è un problema che persiste da anni, e che sembra sempre più peggiorare: l’accesso al Sacro Monte.

Ricordo che questo tema fu uno dei più importanti nella campagna elettorale di Galimberti nel 2016, ma cosa è stato fatto? L’amministrazione comunale ha ridotto il numero di posti auto a disposizione dei visitatori in cima al borgo, non ha aumentato in maniera adeguata il numero di parcheggi nei pressi della Prima Cappella e, soprattutto, non ha implementato un sistema di Trasporto Pubblico efficiente e fruibile, visto che nei weekend gli autobus della linea C passano ogni 20 o 30 minuti, un lasso di tempo inaccettabile! E non è stata nemmeno inserita una navetta permanente in grado di portare nel fine settimana le persone dai grandi parcheggi di Masnago ai piedi del Sacro Monte.

Non basta, infatti, avere una funicolare funzionante se non si migliorano le condizioni per raggiungerla. E la cosa peggiore è che la maggioranza di centrosinistra non si è mai nemmeno posta il problema in questi 5 anni, ma ha fatto finta di niente ed è andata avanti a suon di chiusure della strada e di multe agli automobilisti. Così non va, così non si rilancia uno dei luoghi più belli del nostro territorio. La coalizione di centrodestra dovrà pensare e proporre ai cittadini delle soluzioni per far tornare più vivibile e maggiormente accessibile il nostro amato Sacro Monte, per poterlo rilanciare al massimo quando questa pandemia sarà finita.

Luca Boldetti,
consigliere comunale lista Orrigoni

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore