/ Politica

Politica | 04 marzo 2021, 16:04

Astuti (Pd): «Situazione preoccupante, ma chiudere le scuole dall'oggi al domani è una follia»

Il consigliere regionale varesino del Partito Democratico critica la nuova ordinanza della giunta Fontana: «L'epidemia corre e bisogna essere compatti, ma una decisione tanto improvvisa crea disagi consistenti per studenti e famiglie»

Astuti (Pd): «Situazione preoccupante, ma chiudere le scuole dall'oggi al domani è una follia»

Samuele Astuti, consigliere regionale varesino del Partito Democratico, in una nota, critica la nuova ordinanza regionale che decreta dalla mezzanotte la zona arancione rafforzata in tutta la Lombardia. 

«L’epidemia corre - afferma Astuti - e, di fronte a provvedimenti del genere, occorre essere compatti, per il bene di tutti i lombardi, soprattutto i più fragili, ma ciò non toglie che chiudere le scuole dall’oggi al domani è una follia. Una decisione tanto improvvisa crea disagi consistenti per tutti gli studenti e per le loro famiglie. E che ne è delle polemiche di Fontana e della Lega sulle ordinanze e i Dpcm del Governo, ritenute irrispettose dei cittadini perché troppo a ridosso delle restrizioni? Scopriamo, poi, grazie a un articolo del Post, che la scorsa settimana la Lombardia sarebbe stata in zona gialla con numeri reali da zona arancione. La causa è sempre la stessa: la scarsa qualità dei dati inviati dalla Regione all’Istituto superiore di sanità con l’indice Rt pesantemente sottostimato. Siamo ancora e sempre a rincorrere l’epidemia e la sensazione di non aver imparato nulla da un anno a questa parte ci spaventa: possibile che la Regione Lombardia di Fontana e Moratti continui a fornire dati interpretati in modo scorretto che incidono così pesantemente sulla vita di tutti noi? E vedremo se i dati del monitoraggio settimanale dell’ISS non ci faranno piombare in zona rossa».

 

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore