/ Territorio

Territorio | 26 febbraio 2021, 09:04

Un "patto" tra sette sindaci per la valorizzazione degli Itinerari delle Piane e dei Luoghi Viscontei del Varesotto

Il protocollo d'intesa verrà firmato domani al Castello di Jerago tra i Comuni di Jerago con Orago, Azzate, Brunello, Casale Litta, Crosio della Valle, Mornago e Sumirago: obiettivo arrivare ad ecomuseo su un territorio che congiunge lago di Varese e dighe del Panperduto

Foto tratta da Facebook "Piane Viscontee del Varesotto"

Foto tratta da Facebook "Piane Viscontee del Varesotto"

Sabato 27 febbraio alle 11, nella splendida e significativa cornice del Castello di Jerago, verrà firmato un protocollo d’intesa tra i Comuni di Jerago con Orago, Azzate, Brunello, Casale Litta, Crosio della Valle, Mornago e Sumirago che darà il via ad un progetto di valorizzazione ambientale, paesaggistica, storico-culturale e turistica del territorio. Nasce così il progetto “Itinerari delle Piane e dei Luoghi Viscontei”.

Con la forma del protocollo d’intesa i sette Comuni assicurano le fondamenta per un progetto di ampio respiro e di lunga durata che vuole identificare e valorizzare un territorio strategico, elemento di congiunzione tra il lago di Varese e il Parco del Ticino, tra i siti Unesco Isolino Virginia e Sacro Monte e le dighe del Panperduto (candidate all'Unesco). Nasce un progetto di valorizzazione del patrimonio naturalistico, storico-artistico e dell’ambiente di vita tradizionale che si pone come obiettivo l’istituzione di un ecomuseo sul territorio. Il progetto dovrà evidenziare la cartografia, la storia del territorio e le sue trasformazioni e tutti gli elementi identitari culturali, paesaggistici, ambientali e socioeconomici tipici; dovrà anche ideare un marchio e un logo caratterizzanti e identitari, individuare e promuovere gli immobili di pregio, monitorare la flora e la fauna esistente. L’obiettivo è dunque valorizzare sentieri e percorsi che permettano di raggiungere e collegare edifici storici e luoghi di rilievo e aree verdi e boschive dei comuni coinvolti, a piedi come in bici, con finalità turistiche, ludiche o didattiche.

Giorgio Ginelli, assessore all’ambiente del Comune di Jerago con Orago e promotore dell’iniziativa di partenariato, ha recentemente dichiarato che «arriviamo a questo risultato attraverso il confronto e la condivisione tra amministrazioni, che in maniera costruttiva si sono alleate per preservare e valorizzare il territorio dimostrando la volontà e la capacità di lavorare in rete con un processo sinergico che parte dal basso ed in autonomia. Il merito è di tutti i sindaci e amministratori coinvolti. Il verde di queste zone – continua Ginelli - è tornato ad essere un rifugio ideale per chi vive nell’affollamento della città e potrebbe rappresentare un asset di sviluppo per il futuro di questi comuni, nell’ottica del benessere, della qualità della vita e del turismo di prossimità».

LA PAROLA AI SINDACI

Emilio Aliverti – Sindaco di Jerago con Orago, comune capofila – «sottoscrivo ogni parola dell’amico e collega di giunta Ginelli. Coi sindaci partner abbiamo lavorato in questi mesi per definire obiettivi chiari, concreti e realizzabili in tempi brevi, finalizzati a gettare le basi per una realtà che possa crescere col tempo, portare benefici ai nostri territori e soprattutto durare nel tempo. Jerago con Orago, capofila del progetto e porta d’ingresso del futuro ecomuseo, con questo bellissimo Castello che ne diventa il primo evidente point of interest».

Graziano Maffioli - Sindaco di Casale Litta – guarda oltre, «vedendo come obiettivo di lungo periodo la nascita di un ecomuseo, di cui questo progetto è il perfetto incipit, che possa valorizzare un territorio ambio e prezioso di cui Casale Litta, col centro storico, le sue 6 frazioni e oltre 10km2 di territorio, è la perfetta sintesi: ricca di storia e di luoghi evocativi, grazie ai Litta Visconti, verde e qualità della vita che vale la pena promuovere insieme».

Davide Tamborini – Sindaco di Mornago – sottolinea l’attività sinergica di valorizzazione del territorio così avviata, utilissima per preservare e rilanciare le peculiarità di ogni territorio.

Andrea Dall’Osto – Sindaco di Brunello – vuole sottolineare la coerenza del progetto con le linee programmatiche della sua amministrazione, pensando alla valorizzazione della Chiesa di Santa Maria Annunciata, così come all’iniziativa di stampo fortemente ecologico e culturale.

Marco Bortolussi – Sindaco di Crosio della Valle – aggiunge «i rappresentanti di nove Comuni si sono seduti attorno ad un tavolo ed in meno di un anno si è arrivati alla sottoscrizione di questo importante protocollo di intesa. I nostri paesi sono circondati da stupende cornici e questo è il primo tassello per arrivare ad una piena valorizzazione delle bellezze naturalistiche ed architettoniche che ogni comune possiede. Sono convinto che questo sia un importante punto di partenza, a cui il Comune di Crosio della Valle ha aderito con entusiasmo».

Con loro Mauro Croci, Sindaco di Sumirago e Gianmario Bernasconi, Sindaco di Azzate, manifestando da subito piena adesione e sostegno all’iniziativa di Jerago con Orago, hanno firmato il protocollo d’intesa, che permette da subito l’avvio della progettazione, che sarà affidata all’architetto Stefano Biondaro di Mornago. Il protocollo d’intesa per la valorizzazione degli “Itinerari delle Piane e dei Luoghi Viscontei del Varesotto” resta aperto anche ai Comuni di Daverio e Galliate Lombardo: tutti i sindaci auspicano che presto aderiscano al progetto anche queste due realtà, che hanno partecipato alle fasi preliminari portando un importante contributo di idee e di proposte. 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore