/ Economia

Economia | 26 febbraio 2021, 12:23

Un contratto da 150 milioni per Leonardo per i nuovi sottomarini della Marina Militare Italiana

L'azienda varesina ha firmato un accordo con Fincantieri per equipaggiare le prime due unità subacquee che nel 2027 e 2029 entreranno a far parte della flotta: per la prima volta Leonardo offre un sistema di combattimento per sottomarini

Un contratto da 150 milioni per Leonardo per i nuovi sottomarini della Marina Militare Italiana

Leonardo ha firmato un contratto con Fincantieri del valore di circa 150 milioni di euro per la fornitura di equipaggiamenti per i primi due sottomarini U212 Near Future Submarines (NFS), che entreranno a far parte della flotta della Marina Militare Italiana a partire dal 2027.

Si tratta di dotazioni strategiche per la sorveglianza e la protezione degli spazi subacquei italiani e internazionali. Il contratto prevede la progettazione e realizzazione di un Combat Management System di nuova generazione, che deriva dagli sviluppi in corso su “Legge Navale” - il piano di ammodernamento della Marina Militare Italiana - nell’ambito del più ampio programma siglato tra Fincantieri e la Forza Armata per lo sviluppo, l'acquisizione e il sostegno tecnico-logistico di due sottomarini U212NFS più due in opzione, derivanti dalla classe Todaro. Leonardo fornirà, inoltre, un laboratorio di simulazione e training che verrà installato presso il Centro Addestramento Sommergibili della Marina Militare Italiana a Taranto, nonché supporto logistico iniziale, incluso l’addestramento del personale e un primo set di parti di rispetto.

I nuovi sottomarini NFS sono una versione aggiornata e tecnologicamente più avanzata del progetto U212A avviato nel 1996 per la costruzione di 4 unità subacquee per l'Italia, entrati in linea a partire dal 2006. Per Leonardo questo contratto riveste un’importanza strategica nel navale: dal punto di vista commerciale, l’azienda amplia la sua offerta al settore dei sottomarini. Dal lato industriale, la sinergia con i sistemi già forniti sulle navi di superficie, incluse le future configurazioni, sarà una spinta ulteriore a investimenti per lo sviluppo e l’innovazione delle linee di prodotto, in particolare del Combat Management System. Il rafforzamento dei business tradizionali, anche attraverso la valorizzazione di competenze trasversali come il comando e controllo, è uno dei pilastri del Piano Strategico “Be Tomorrow – Leonardo 2030”. Leonardo supporta percorsi di crescita sostenibile grazie alla sua leadership nelle tecnologie di nuova generazione.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore