/ Economia

Economia | 26 febbraio 2021, 11:00

Blocco dei licenziamenti. Bonometti (Confindustria Lombardia): «Trasformare la cassa integrazione in riqualificazione professionale»

«Prorogare il blocco sine die sarebbe un grave errore - dichiara il leader degli industriali lombardi - sia per le imprese sia soprattutto per i lavoratori la cui tutela deve essere una priorità, disgiunta però dallo specifico posto di lavoro»

Marco Bonometti

Marco Bonometti

Sul blocco dei licenziamenti, che senza ulteriori proroghe scadrà il 31 marzo, arriva una proposta del presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti, il quale invita "a tutelare i lavoratori, attraverso una riforma del lavoro che trasformi la cassa integrazione in riqualificazione professionale».

«Finalmente - afferma in una nota il leader degli industriali lombardi - sta emergendo la consapevolezza che prorogare sine die il blocco dei licenziamenti sarebbe un grave errore, e non solo per le imprese che devono ristrutturarsi adeguandosi ai livelli di mercato imposti dal Covid, ma soprattutto per i lavoratori stessi, la cui tutela deve essere una priorità e disgiunta da quella dello specifico posto di lavoro. In particolare, viene avanzata una proposta selettiva, che comporti una modalità graduale di sblocco, dando priorità all’industria e alle costruzioni. Condivido pienamente la linea indicata dal presidente Draghi – “vanno tutelati i lavoratori, non i posti di lavoro” – questa è la strada da percorrere”. Serve urgentemente una seria riforma del lavoro e degli ammortizzatori sociali, in cui l’erogazione della cassa integrazione si possa trasformare in un assegno di riqualificazione professionale e, contemporaneamente vengano formati i lavoratori acquisendo nuove competenze dell’era digitale per far incontrare la domanda e l’offerta di lavoro».

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore