/ Hockey

Hockey | 23 gennaio 2021, 22:03

FOTO E VIDEO. Mastini come nelle favole: travolgono la capolista e ci fanno sognare

Perfetta sinfonia giallonera con gli acuti di "medicina" Xamin (2 gol), Drolet ed Erik Mazzacane: il Caldaro non può nulla. Agganciato il terzo posto, semifinali di Coppa Italia vicine. Una dedica? Al Vise e ai tifosi gialloneri. Tutte le foto di Alessandro Galbiati

Il disco in gabbia scagliato da Drolet per il 4-0 e le mani al cielo di Andrea Vanetti (foto Alessandro Galbiati)

Il disco in gabbia scagliato da Drolet per il 4-0 e le mani al cielo di Andrea Vanetti (foto Alessandro Galbiati)

Una macchina giallonera e una sinfonia di squadra perfette, come un concerto in cui tutti suonano a memoria: come contro il Merano, forse più che contro il Merano, stavolta a cadere sotto i colpi del Varese è l'altra capolista, il Caldaro, a cui va il merito di aver pensato solo a giocare, a pattinare, a sfidare a viso aperto questi gialloneri che, però, quando possono correre in velocità e coprire tutta la pista con la loro capacità di essere un unico, gigantesco Mastino, non danno scampo.

Questa grande vittoria è tutta per il Vise, assente da due partite. Ed è anche per Paolino Capobianco, lo speaker che non sentiamo da un po', e ogni volta che succede ci preoccupiamo. Ed è anche per i tifosi gialloneri, che non si vedono e non si sentono ma ci sono, con numeri da record in streaming e in diretta, a spingere come matti dalle loro case come se fossimo al Palalbani. Ci pare di sentirli e di vederli, come li sente e li vede la squadra nel giro di pista finale, davvero bello (sotto nel video) per rendere omaggio all'anima invisibile giallonera, che guarda, legge ed esulta. 

Qualcuno lo soprannomina "medicina" Xamin e, in effetti, il 33 giallonero assistito dal 66 Samuel Payra - sembra una tabellina - guarisce l'influenza che toglie a volte al  Varese la meritata gioia del gol quando macina gioco a lungo senza segnare: davanti alla gabbia ospite, dopo innumerevoli assalti, con un colpo secco e mortale segna l'1-0 (a proposito di Payra, 19 anni dalla Valpe: è stato un fulmine, e un colpo di fulmine per chi l'ha visto stasera).

Lo stesso Xamin, eroe della serata insieme all'indemoniato Drolet e al gruppo, davanti alla porta sferra, imparabile nell'angolino, anche il colpo di cannone del 3-0 e abbatte, dopo il ponte levatoio, anche la sala del Re. Drolet, un maresciallo perché non è un comandante ma un uomo fidato da seguire, che conta molto più di chi ha il massimo grado, era già sceso in velocità con il disco sulla stecca, mettendo un assist favoloso sul bastone di Erik Mazzacane per il 2-0 da applausi dopo una volata a tutta pista. Il canadese avrebbe poi aggiunto pure il meritatissimo poker personale.

E così il lungo assalto giallonero, a cui sembrava mancasse solo la punta di un bastone, uno spicchio di cinismo, il colpo secco, cinico e finale, magari qualcosa di "sporco" e pragmatico, in realtà è stato premiato dalla capacità di essere squadra a tutto tondo, uno, nessuno e centomila. La squadra di Claude Devèze.

E' stata comunque una splendida partita, soprattutto nel secondo tempo con le due squadre che hanno pensato solo ad affrontarsi a viso aperto, o a recuperare il disco e a ripartire a mille all'ora (appena 10 minuti di penalità). Pareva una semifinale o una finale, intesa e correttissima, quando magari basta il primo acuto per indirizzarla e deciderla. Tura non si vede nel tabellino finale ma c'è: quando è in serate come queste, quando è aiutato da tutti, è davvero il numero uno. Attendiamo solo Marcello Borghi, il castigatore. E naturalmente il Vise



Varese-Caldaro  4-1 (0-0, 2-0, 2-1)
Reti: 24’16” (V) Xamin (Payra), 37’07” (V) E. Mazzacane (Drolet, M. Mazzacane), 43’26” (V) Xamin (Vola, Cordin), 47’02” (V) Drolet (Xamin, De Biasio) in superiorità, 48’38” (C) Kasslatter (M. Virtala, Cappuccio) in superiorità.
VARESE: 65 Tura (29 Bertin), 3 Schina, 8 A. Bertin, 11 Papalillo, 22 E. Mazzacane, 31 Allevato, 44 De Biasio, 90 Ilic, 13 Gasparini, 15 Ambrosoli, 16 Vanetti, 18 Cordin, 19 Vola, 27 M. Mazzacane, 32 P. Borghi, 33 Xamin, 54 Gherardi, 55 Piroso, 66 Payra, 91 Raimondi. Coach: Claude Devèze
CALDARO: 50 Morandell (1 Al. Andergassen), 4 Massar, 8 Schoepfer, 17 Volcan, 22. M.J. Virtala, 23 Kasslatter, 26 Cappuccio, 28 S. Vinazer, 6 De Donà, 12 Oberrauch, 14 B. Andergassen, 16 Ershbamer,20 A. Vinatzer, 26 Cappuccio, 47 S. Andergassen, 55 T.S. Virtala, 75 Gius, 91 M. Coach: Karl Anderland
Arbitri: Luca Cassol, Willy Vinicio Volcan (Jeremy Bassani, Carlo Antonio Grecchi)
Note - Tiri Va 40, Cal 35. Penalità Va 6', Cal 4'.

Recupero undicesima giornata: Pergine-Appiano 4-3, Merano-Valdifiemme rinviata causa Covid per gli ospiti, Varese-Caldaro 4-1, Alleghe-Bressanone 7-3.

Giovedì 28, ore 20.30: Merano-Bressanone (recupero quinta giornata), Unterland-Alleghe (recupero sesta giornata).

Sabato 30, dodicesima giornata: Caldaro-Pergine (15.30), Unterland-Varese (17.30), Valdifiemme-Appiano (19.30), Alleghe-Merano (20.30).

Classifica
Merano (10) e Caldaro (12 giocate) 21 punti
Varese (12) e Bressanone (12) 20 punti
Unterland (11) 17 punti
Valdifiemme (11) 16 punti
Pergine (12) e Alleghe (11) 15 punti
Appiano (12) 11 punti

La classifica del girone di ritorno (le prime 4 accederanno alle semifinali di coppa Italia)
Varese (7) 14 punti
Unterland (6 gare giocate) e Merano (5) 12 punti
Caldaro (6) e Alleghe (6) 10 punti

_________
Bressanone (7) 9 punti
Pergine (6) 6 punti
Valdifiemme (5) 5 punti
Appiano (6) 3 punti

Il calendario dei Mastini

XII sab 30/01/2021 17:30 Hockey Unterland Cavaliers HC Varese 1977

XIII sab 06/02/2021 19:30 HC Merano Pircher HC Varese 1977

VII gio 18/02/2021 20:30 HC Varese 1977 Valdifiemme HC

IX sab 20/02/2021 18:00 HC Varese 1977 Alleghe Hockey

Il comunicato post partita con la cronaca.

Missione compiuta: una bella vittoria dei Mastini sul Caldaro capolista, frutto di una partita molto bella, probabilmente la migliore giocata dalla formazione giallonera. Successo meritato, contenuto nel punteggio solo da una superba prova del portiere Morandell che ha contribuito a tenere sempre vivi gli avversari.

Assente solo Marcello Borghi nel Varese, mentre il Caldaro si è presentato con qualche assenza, tra cui anche i fratelli Felderer.

Il primo terzo di gara sfila via a buon ritmo e con poche interruzioni. Morandell assoluto protagonista del match, con almeno tre interventi da urlo che hanno impedito la marcatura varesina. Il primo squillo giallonero è merito di Vola che batte da pochi passi esaltando il portierone altoatesino, bravo ancora poco dopo su Xamin, abilissimo a scendere in mezzo a tre avversari ma non altrettanto a chiudere nell’angolo destro. In seguito, tocca a Piroso far gridare alla rete ma il tocco non è stato incisivo e Morandell ha avuto la meglio. L’occasione per il vantaggio c’è quando nella difesa del Caldaro si infila magistralmente Xamin: il due contro uno è apparecchiato, ma il disco a Cordin arriva male e tutto sfuma. Poco più tardi Cordin prova a segnare con una conclusione rasoghiacchio che Morandell si trova inaspettatamente sul gambale. Il Caldaro è comparso solo con un paio di conclusioni dalla distanza e con una magnifica azione dei fratelli Virtala che ha trovato un eccellente Tura a respingere.

Il secondo drittel si apre con un super intervento di Tura, ma tempo qualche secondo e i Mastini ripartono da dove si erano interrotti. Morandell dimostra tutta la sua bravura su Xamin e di Drolet. Il primo powerplay del match è a favore dei gialloneri ed è ben giocato. Vanetti spara sul portiere e poi è Schina dalla distanza che esalta il goalie in presa plastica. I Gialloneri arrivano alla marcatura con Xamin, abilissimo a sfruttare l’uno contro uno ben assistito dalle retrovie da Payra. Il raddoppio non arriva: Cordin manda alto da due passi, Morandell chiude su Drolet, la botta di Ilic termina fuori di un soffio e Vanetti non è fortunato nel tocco ravvicinato. Ancora Drolet impegna il portiere, ma il gol è questione di poco. L’azione Drolet – M. Mazzacane favorisce l’inserimento del fratello di quest’ultimo, che trova il rasoghiaccio vincente.

Terzo tempo un po’ più fisico ma sostanzialmente corretto. I Mastini continuano a premere sull’acceleratore: è Xamin, al 43’26” a trovare la sua seconda marcatura personale dopo una azione corale che lo porta a battere in porta da un paio di metri. Morandell è ancora eccellente a deviare un tocco sotto misura dell’accorrente M. Mazzacane e poi risponde bene su un altro sollecito da posizione ravvicinata. Al 47’02” Drolet festeggia con gol il suo compleanno, trovando la rete dopo essere stato imbeccato da Xamin. I Mastini continuano a macinare gioco ma il Caldaro propone discrete trame in attacco e Tura marca presenza. Il powerplay altoatesino è premiato con un una conclusione dalla linea blu, ma fino al termine i gialloneri rischiano pochissimo nonostante la doppia superiorità numerica finale dei Lucci.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore